Agrobiodiversità e cultura rurale

Melo

Malus domestica

Abbondanza

Deriva da un semenzale casualmente individuato a S. Pietro Capofiume, frazione di Molinella (BO), nel 1896.

Campanino

I frutti sono piccoli, con una buccia verde e sottile che diventa rossa se esposti al sole.

Durello

Le Durelle erano le mele più adatte ad essere immagazzinate nei periodi invernali.

Durello di Ferrara

Le Durelle erano le mele più adatte ad essere immagazzinate nei periodi invernali.

Durello di Forlì

Le Durelle erano le mele più adatte ad essere immagazzinate nei periodi invernali.

Lavina

Si ha notizia della coltivazione della mela Lavina nei territori di Castelvetro di Modena e Levizzano Rangone.

Mela pesca

La Mela Pesca è ritenuta a Reggio Emilia una varietà veramente locale.

Mela ferro

Con la denominazione Mela Ferro si indicavano sin dal XIX secolo diverse varietà caratterizzate da frutto di elevata consistenza e conservabilità.

Musa

L'origine di questa mela non è noto, anche se deve essere molto antica.

Musona

La Musona o Musabò era diffusa un po’ in tutta la regione Emilia-Romagna.

Poppina

Le mele Poppine sono raffigurate dai pittori fin dal Seicento.

Rosa romana

Rosa romana è presente da secoli nei territori collinari e di bassa montagna dell’Emilia.

Azioni sul documento

Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it