Agrobiodiversità e cultura rurale

I territori dell'agrobiodioversità

I luoghi in cui la nostra storia rurale si è fermata e le associazioni che ci aiutano a mantenerla viva

Cosa fa la Regione

Frutti dimenticati di Casola ValsenioI territori dell'agrobiodiversità sono luoghi, paesi, comunità rurali che hanno saputo raccogliere una sfida moderna: salvaguardare la propria memoria contadina, il paesaggio agrario e le agrobiodiversità in esso presenti.

Catalizzatori di creatività e innovazione, questi luoghi hanno investito sulla valorizzazione del loro territorio rurale e delle produzioni autoctone, identitarie e tradizionali, mettendo così a valore quella cultura rurale che li contraddistingue.

Alcuni comuni della nostra regione hanno, ad esempio, consolidato eventi e manifestazioni legati alla biodiversità, che attirano ad ogni edizione svariate migliaia di persone.

Negli ultimi anni, inoltre, sono note svariate associazioni di agricoltori custodi che nel complesso operano per costruire una rete di tutela delle razze e varietà a rischio d'estinzione. A queste si aggiungono associazioni di carattere amatoriale, formate in gran parte da agronomi, naturalisti e storici che svolgono prevalentemente attività di divulgazione, ricerca, documentazione, promozione e valorizzazione della biodiversità, della cultura rurale e di tutto ciò che sta loro intorno, compresi gli aspetti storici e paesaggistici del territorio e delle comunità locali. Molte  di queste associazioni fanno capo a Musei del gusto e Musei del mondo rurale dell'Emilia-Romagna.

Consci che tanti territorio e Associazioni in Emilia-Romagna sono impegnati nella salvaguardia e valorizzazione della agrobiodiversità e della cultura rurale, stiamo costruendo uno spazio virtuale utile da un lato a completare questa ricognizione sul territorio e dall'altro a creare i presupposti per politiche di promozione mirate e integrate. Attraverso il portale IoPartecipo+ apriremo a breve una "piazza" dal titolo Agrobiodiveristà, dove stai di casa? Un contenitore di idee, una vetrina di eventi ma anche uno strumento di consultazione pubblica per mantenere vivo il dibattito sull'agrobiodiversità dell'Emilia-Romagna e per mettere in rete la sensibilità ambientale diffusa che contraddistingue il nostro territorio e i nostri agricoltori. In particolare, chiediamo ai partecipanti alla piazza di definire insieme a noi un decalogo di principi, azioni e iniziative che un territorio sensibile può intraprendere per tutelare e valorizzare la sua agrobiodiversità.

A chi rivolgersi

Azioni sul documento
Pubblicato il 17/09/2014 — ultima modifica 27/11/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it