Maggio-giugno 2017 Anno 45, n. 5-6

Mensile della Regione Emilia-Romagna.

Editoriale

L'export strada obbligata per continuare a crescere

Maggio-giugno 2017 150x100 I buoni risultati del settore agrifood dell’Emilia-Romagna sono stati in larga parte confermati dai dati emersi dal Rapporto 2016 sul sistema agroalimentare regionale. Positivo è il trend dell’export agroalimentare e risulta evidente l’importanza che per questa regione hanno gli accordi commerciali, specialmente quelli che al momento sono in fase di negoziazione. Di particolare interesse il trattato con il Giappone, Paese dal forte deficit in campo alimentare.

Recentemente Ue e Cina si sono impegnate a concludere entro l’anno un accordo su una serie di prodotti a indicazione geografica. Al momento si è riusciti a ottenere un importante riconoscimento per la tutela di 100 Dop e Igp europee, 26 italiane, di cui 4 prodotte in Emilia-Romagna (Prosciutto di Parma, Aceto balsamico, Parmigiano Reggiano e Grana Padano) che saranno protette sul mercato cinese. Altra opportunità per l’agroalimentare regionale viene dall’accordo Ceta con il Canada. Anche qui troviamo l’approccio della “lista” delle Ig che permetterà al Prosciutto di Parma di essere finalmente venduto con il suo vero nome. Oltre all’elenco prolungabile di denominazioni protette, ci saranno anche interessanti aperture su formaggi, vino, pasta e, in generale, sui prodotti agricoli trasformati.

Per quanto riguarda il futuro della Pac, la nuova politica agricola comune dovrà accogliere sollecitazioni “esterne”, come quelle che vengono dall’accordo sul clima di Parigi e dagli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Onu, ma anche e soprattutto le richieste che vengono dalla società e dagli agricoltori europei.

Al momento, il regolamento “Omnibus” sembra essere l’unico strumento possibile per introdurre modifiche alla Pac prima del 2020. Per questo motivo, insieme ai colleghi eurodeputati abbiamo deciso di approfittare della revisione di metà percorso del bilancio pluriennale dell’Ue per cercare di risolvere, il prima possibile, i problemi riscontrati nei primi anni di applicazione della Pac attuale. Gli emendamenti dell’Europarlamento riguardano la semplificazione dell’accesso agli aiuti per i giovani, che potranno da un lato insediarsi congiuntamente con altri agricoltori e dall’altro ricevere l’aiuto anche nel caso stiano già lavorando in azienda, con il conseguente di ampliare la platea dei beneficiari.

Un’altra proposta che speriamo di vedere approvata è il riconoscimento della definizione di “azienda verde” anche alle imprese che applicano misure agro-ambientali previste nei piani di sviluppo rurale.

Paolo de Castro, Primo vicepresidente della Commissione agricoltura del Parlamento europeo

Agricoltura diventa bimestrale: una nuova sfida

Da questo numero, Agricoltura diventa bimestrale. Uscirà quindi ogni due mesi, a partire dalla copia che avete tra le mani, il giornale di maggio-giugno 2017. È tutt’altro che un passo indietro. Infatti, con questa decisione vogliamo rafforzare l’attenzione per un settore fondamentale e strategico per l’economia regionale, come peraltro hanno dimostrato solo pochi giorni fa i numeri del Rapporto 2016 sul sistema agroalimentare dell’Emilia-Romagna.

La cadenza bimestrale ci permetterà di approfondire contenuti e analisi oltre ad avviare la sperimentazione dell’integrazione con il web, con ulteriori inserti, sezioni monografiche e documenti disponibili on line e collegati alla versione cartacea. Siamo quindi di fronte a una nuova sfida, per informare meglio e in maniera ancor più completa. Un’ultima nota di servizio: nulla cambia per gli abbonati ai Supplementi, pubblicati come sempre.

Giuseppe Pace

Fatti

Giovani imprenditori/1 - Ricambio generazionale: nuovi agricoltori crescono. Olga Cavina

Giovani imprenditori/2 -  Così produco il latte per il Parmigiano Reggiano. Ottavio Repetti

Giovani imprenditori/3 -  Con questi macchinari farò ripartire l'azienda. Ottavio Repetti

Ricostruzione post sisma/1 - L'agricoltura rinasce dalle macerie del terremoto. Gianni Boselli

Ricostruzione post sisma/2 - Quattro storie per raccontare la forza di un territorio. Barbara Galzigna.

Cultura rurale

Musei - L'agricoltura ferrarese si racconta. Luciana Finessi, Stefania Ferriani

Pubblicazioni - I frutteti della biodiversità in Emilia-Romagna. Paolo Pirani

Qui Europa

Revisione Pac, le novità del regolamento Omnibus. A cura della redazione

Qui Regione

Vino, arrivano 4,1 milioni per migliorare la qualità. Giovanni Pusceddu

Economia

Rapporto 2016 - Crescono produzione (+3%), export (+2,4%) e occupati (+15%). A cura della Redazione

Accordi di filiera -  Patate: rinnovato il contratto quadro. Nicola Benatti, Roberta Toni

Fisco e previdenza

Under 40, cosa cambia con l'esonero contributivo. A cura di Corrado Fusai

In azienda

Valorizzazione - Dai grani autoctoni la pasta bio artigianale. Rosa Maria Bertino

Spazio innovazione

Agroalimentare - Nasce il burro arricchito con gli Omega 3. Patrizia Alberti

Ricerca e sperimentazione

Prevenzione - Innovazione in campo contro le micotossine. Claudio Selmi, Renato Canestrale

Tradizioni da studiare -  Parmigiano Reggiano: qualità ad alta sostenibilità. Carla Scotti, Aldo Dal Prà

Suinicoltura - Quando il benessere è un valore aggiunto. Alessandro Gastaldo, Marzia Borciani, Sara Barbieri

Avversità

Strategie di difesa - Lotta biologica alle tortrici del castagno. Massimo Bariselli, Nicoletta Vai, Giovanna Montepaone

Malattie delle piante -  Un nuovo patogeno minaccia le orticole. Assunta D'Anniballe, Paolo Fini, Patrizia Grillini, Anna Rosa Babini

Meccanizzazione

Risparmio energetico - Dalla ventola ai pneumatici, i trucchi per consumare meno. Ottavio Repetti

Rubriche

In breve. A cura della redazione

Agenda verde. A cura della redazione

Nel giardino. Maria Teresa Salomoni, Massimo Drago

Novità dalla ricerca. Camilla Chieco, Maria Teresa Salomoni

Dalla parte dei consumatori. A cura di Enrico Cinotti

Agrometeo. A cura di William Pratizzoli

Azioni sul documento
Pubblicato il 22/06/2017 — ultima modifica 22/06/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it