Gestione della fauna e caccia

Danni e prevenzione

La Regione eroga finanziamenti per prevenire e indennizzare i danni alle produzioni agricole arrecati dalla fauna selvatica e dall’attività venatoria

Cosa fa la Regione

Pere

I beneficiari sono gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile, muniti di partita Iva e iscritti all’anagrafe regionale delle aziende agricole con posizione validata.

Sono a carico della Regione gli oneri per i contributi relativi ai danni arrecati da:

  • specie cacciabili all’interno delle zone di protezione (oasi, zone di ripopolamento e cattura, centri pubblici di riproduzione della fauna selvatica, zone di rifugio), nei parchi e nelle riserve naturali regionali, nonché nelle aree contigue ai parchi dove non è consentito l’esercizio venatorio;
  • specie protette in tutto il territorio regionale;
  • nutrie e piccioni di città;
  • specie cacciabili, compresi gli ungulati in prelievo selettivo, per le quali il prelievo venatorio è temporaneamente vietato per ragioni di pubblico interesse o non consentito dalle Province per esigenze di carattere faunistico-ambientale o per motivazioni connesse alla gestione faunistico-venatoria del territorio;
  • sconosciuti nel corso dell’attività venatoria negli istituti di cui al precedente primo punto.

 

Avviso pubblico per la richiesta di contributi finalizzati alla realizzazione di presidi di prevenzione per danni da fauna selvatica alle produzioni vegetali e zootecniche ivi compresi gli allevamenti ittici. Anno 2018.  

 

Per approfondire

Norme e atti

Progetti in corso

Pubblicazioni

Azioni sul documento
Pubblicato il 26/11/2012 — ultima modifica 03/05/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it