mercoledì 13.12.2017
caricamento meteo
Sections

Pesche e nettarine: ritiro di altre 1500 tonnellate di prodotto per far fronte alla crisi di mercato

Caselli: “Una decisione che condividiamo totalmente. Ci muoviamo anche a livello europeo con Areflh”.

Altre 1.500 tonnellate di pesche e nettarine saranno ritirate dal mercato, per sostenere i produttori e fronteggiare la crisi del settore. E’ questa la prima immediata risposta del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, che arriva dopo l’incontro di ieri del Tavolo di coordinamento ortofrutta.

La decisione sarà formalizzata nei prossimi giorni, nel quadro delle azioni previste dal regolamento sull’embargo di prodotti verso la Russia.

La crisi del mercato di pesche e nettarine risente infatti in modo particolare dell’”embargo russo” imposto dal 2014. La riduzione delle esportazioni e un andamento produttivo fortemente influenzato da caldo e siccità, con produzione di frutti di piccole dimensioni e una maturazione anticipata e diffusa, ha determinato una crisi dei prezzi e l’esaurimento, già al 31 luglio, delle quote di ritiro previste dal regolamento europeo. Per l’Italia tale quota ammontava a 2.380 tonnellate che si aggiungono ai ritiri ordinari previsti dai programmi operativi dell’Ocm ortofrutta.

Sempre nell’ambito delle decisioni assunte ieri dal Tavolo ministeriale per l’ortofrutta, si aggiunge l’impegno a chiedere alla Commissione europea di rivedere la distribuzione tra i Paesi e all’interno degli stessi, delle quote di ritiro per le diverse tipologie di frutta, modificando il regolamento comunitario attualmente in vigore.

La richiesta di Areflh

La decisione del Ministero si salda con quanto richiesto contemporaneamente da Areflh, l’associazione delle regioni e dei produttori ortofrutticoli europei cui aderiscono le principali realtà produttrici di frutta ed ortaggi di sei paesi, nel corso di un incontro con la Direzione generale agricoltura della Commissione europea, tenutosi sempre ieri a Bruxelles, a seguito di una richiesta urgente da parte dall’assessore regionale all’agricoltura e presidente di Areflh, Simona Caselli.

Condividiamo totalmente la scelta del Ministero di mettere a disposizione la riserva aggiuntiva per il ritiro dal mercato di pesche e nettarine per dare risposte ai produttori che soffrono di una importante crisi dei prezzi in un anno caratterizzato in modo eccezionale da caldo e siccità - ha sottolineato l’assessore Caselli esprimendo il suo apprezzamento. Per quanto riguarda la richiesta di modifica delle quote di ritiro ex embargo russo, ci stiamo muovendo anche a livello europeo attraverso la rete Areflh. Su questo punto ci siamo infatti attivati da subito per portare all’attenzione della Commissione la situazione nostra e di altre regioni europee come quelle spagnole e greche che vivono una forte crisi. Siamo convinti - ha aggiunto Caselli -  che la rete Areflh contribuirà a sensibilizzare la Commissione e a dare più forza alle richieste dei singoli stati membri. Lo abbiamo già visto in altre occasioni, come nel caso delle regole di applicazione della produzione integrata nell’Ocm ortofrutta. E’ questo il valore aggiunto della rete che ho l’onore di guidare".

Azioni sul documento
Pubblicato il 10/08/2017 — ultima modifica 10/08/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it