mercoledì 13.12.2017
caricamento meteo
Sections

La Cina è vicina per imprese e start up dell’Emilia-Romagna

Bonaccini: “Qualità e capacità di innovazione, cresciamo facendo gioco di squadra”.

 “Anche da voi arriva una grande dimostrazione della qualità e della capacità di innovazione dell’Emilia-Romagna, regione prima per crescita e che continuerà a spingere sulla strada della internazionalizzazione e attrazione di investimenti”. Il presidente della Giunta regionale, Stefano Bonaccini, nel corso della quarta giornata della missione istituzionale della Regione in Cina, incontra a Shanghai alcune delle imprese emiliano-romagnole presenti sul mercato cinese.

Un contesto, quello del gigante asiatico, consolidato per alcuni grandi brand ma anche un mercato ricco di potenzialità per molte altre imprese che si distinguono per la qualità e il contenuto di innovazione dei loro prodotti, comprese tante piccole e medie imprese. Potenzialità che vanno colte “continuando a fare gioco di squadra fra istituzioni e realtà socio-economiche”.

L’incontro è stato affiancato da una iniziativa alla Tongji University, dove, in partnership con il Future food institute, si è svolto il seminario "Safe and smart food for smart cities". Un confronto a 360 gradi tra startup cinesi ed emiliano-romagnole sui temi dell’innovazione e della sostenibilità in campo agroalimentare, di fronte a uno scenario che entro il 2050 vedrà concentrarsi nelle città il 66% della popolazione mondiale.

Tra le imprese emiliano-romagnole, due start up bolognesi: Wenda, che ha sviluppato un sistema per monitorare umidità e shock termici durante i lunghi viaggi che i prodotti alimentari compiono oggi tra i continenti, salvaguardandone qualità e salubrità a garanzia dei produttori e consumatori; e Griffa, spin-off dell’Università di Bologna che ha messo a punto una tecnica per mappare le materie prime di alimenti lavorati come gli insaccati e contrastare le falsificazioni alimentari.

Investire vuol dire consolidare le tradizioni agroalimentari su cui continuare a lavorare per proteggere e valorizzare i nostri prodotti, anche con esperienze innovative capaci di connettere mondi e coinvolgere talenti. All'iniziativa presso la Tongji University, oltre al presidente Bonaccini, hanno partecipato gli assessori Simona Caselli e Palma Costi e Sara Roversi e i giovani di Future food institute.

Fuori salone del mobile e incontri B2B

La giornata a Shangai ha visto altri due appuntamenti per la delegazione emiliano-romagnola: la partecipazione all'Emilia-Romagna F&B EVENT con seminari informativi e incontri B2B dedicati al settore "food&beverage" a cui hanno partecipato il presidente Bonaccini e l'assessore Simona Caselli con una relazione introduttiva sul sistema agroalimentare regionale.

Le aziende dell'Emilia-Romagna presenti e invitate all'iniziativa, realizzata in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana in Cina, erano: Coppini Arte Olearia, Apofruit, Alce Nero, Cevico, Jingold, Coop Italia, Granarolo e prosciuttificio "Il Casale".

Altro appuntamento la partecipazione, sempre nel centro di Shangai, a #MDV Out Shangai2017 (Milan Design Week Out) al "fuori salone" del Mobile di Milano, con l'appuntamento "ITALIAN FOOD PASSION - Food & Wine Experience by Emilia Romagna Region" dedicato alla preparazione di pasta fresca e ricette della tradizione emiliano romagnola in collaborazione con Casa Artusi e abbinamento ai vini dell'Enoteca regionale Emilia Romagna.

Azioni sul documento
Pubblicato il 24/11/2017 — ultima modifica 24/11/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it