A Vinitaly Il meglio dell'enologia made in Emilia-Romagna

Caselli: "Stiamo accelerando sulla promozione, particolare attenzione ai mercati asiatici, in testa Cina e Giappone".

Oltre 500 etichette in degustazione, 200 cantine ospiti tra singole aziende e consorzi di produttori, 7 banchi di assaggio, 20 sommelier per dare consigli e suggerimenti agli avventori, un ristorante con menu legato al territorio per il miglior abbinamento cibo/vino.  Poi un fitto calendario di appuntamenti, tra convegni, incontri di lavoro e presentazioni varie, con l’obiettivo di promuovere il patrimonio vitivinicolo regionale, assieme alla cultura e alle tradizioni legate al territorio.

Il tutto all’interno del padiglione 1 della Fiera di Verona di 4.000 metri quadrati, con allestimenti e veste grafica completamente rinnovati all’insegna della rigenerazione, anzi della ‘REgeneration’, come recita lo slogan coniato per l’occasione. Motto che accompagnerà per tutto l’anno le iniziative promozionali di Enoteca regionale Emilia-Romagna  in giro per il mondo.  

Anche quest’anno il meglio dell’enologia emiliano-romagnola sarà protagonista al 52° Vinitaly, uno dei più importanti saloni internazionali di settore, in programma a Verona dal 15 al 18 aprile prossimi. Le cantine presenti, le novità e gli eventi che animeranno lo spazio espositivo gestito dall’ente che ha il compito di valorizzare i vini regionali sono stati presentati in una conferenza stampa a Bologna, con la partecipazione dell’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli, del presidente e del direttore di Enoteca regionale, rispettivamente Pierluigi Sciolette e Ambrogio Manzi e del presidente di Unioncamere Emilia-Romagna, Alberto Zambianchi.

Le dichiarazioni dei partecipanti

“I nostri vini – sottolinea l’assessore Caselli - sono sempre più apprezzati sia in Italia, che all’estero, grazie all’impegno e alla professionalità degli imprenditori. Siamo fortemente impegnati per migliorare l’immagine presso i consumatori delle nostre produzioni, che hanno ben poco da invidiare sotto il profilo qualitativo alle più blasonate etichette nazionali. Stiamo accelerando sulla promozione, con particolare attenzione ai mercati emergenti del sud asiatico, Cina e Giappone, senza dimenticare Russia, Canada e Usa, che resta il principale mercato di sbocco per il made in Italy. Anche quest’anno - prosegue l’assessore Caselli - metteremo a disposizione delle imprese circa 25,7 milioni di euro dell’Ocm vino sotto forma di contributi alle imprese per investimenti, azioni promozionali all’estero, riconversione e ristrutturazione dei vigneti, più 600.000 euro di finanziamenti regionali. Altri 2,6 milioni del Psr 2014-2020  sono stati poi destinati ai Gruppi Operativi per l'innovazione (GOI), partnership tra aziende agricole e enti di ricerca per dare una spinta ai progetti di innovazione, in particolare in tema di salvaguardia della biodiversità, tecniche di adattamento e mitigazione dei cambiamenti climatici e sostenibilità delle produzioni”.

“L’Emilia-Romagna è la seconda regione in Italia per valore dell’export agroalimentare. Per quanto riguarda in particolare il settore vinicolo la nostra regione è al top per performance nei primi nove mesi del 2017, in cui le vendite sono cresciute dell’11,8% rispetto all’anno precedente - sottolinea Alberto Zambianchi  presidente di Unioncamere Emilia-Romagna-. Cina, Russia e Stati Uniti sono tra le aree extraeuropee più interessanti e di prospettiva per le nostre etichette. Un’ulteriore conferma di come stia cambiando la geografia dei consumi del vino, orientata sempre di più oltre i confini europei, arriva dalla recente ricerca Vinitaly-Nomisma Wine Monitor, che ribadisce come il vero elemento in grado di fare la differenza sui mercati sarà sempre di più la qualità rispetto al prezzo. Proprio per questo - conclude il presidente Zambianchi - è necessario agire ‘come sistema’ e, in questo senso, ‘Deliziando’, il progetto di promozione all’estero dei prodotti enogastronomici avviato da anni dall’assessorato regionale all’Agricoltura e dalle Camere di Commercio, attraverso la loro Unione regionale, è un modello di collaborazione per lo sviluppo di un agroalimentare sostenibile, competitivo e internazionalizzato, in cui la qualità è la carta  vincente”.

REgeneration’, filo conduttore della presenza di Enoteca regionale alla rassegna scaligera, rimanda a un’idea di rinnovamento e trasformazione legata all’ambiente e trae spunto da una serie di importanti iniziative all’insegna della sostenibilità della vitivinicoltura.

“In collaborazione con le principali università regionali - rimarca Pierluigi Sciolette  presidente di Enoteca Emilia Romagna -  da oltre un anno abbiamo avviato un progetto per la messa a punto di tecniche colturali idonee per la salvaguardia dei nostri vitigni autoctoni, anche a fronte dei mutamenti climatici. L’obiettivo è arrivare alla certificazione di sostenibilità sociale, economica e ambientale non di un singolo prodotto o di una singola azienda, bensì di un intero territorio. Sarebbe una novità assoluta per l’Italia, da spendere anche in termini di marketing”.

"Altro importante tema sul quale Enoteca regionale Emilia-Romagna punta è la promozione turistica della regione, unendo la valorizzazione del patrimonio territoriale a quello gastronomico ed enologico. Le aziende vitivinicole emiliano-romagnole, negli ultimi anni, hanno fatto grandi investimenti e sono in grado di accogliere i tanti turisti che arrivano nella nostra regione con numeri sempre in crescita nell’ultimo quinquennio. Enoteca ha avviato un progetto - ha concluso Sciolette - in collaborazione con tutti gli enti e le associazioni territoriali, per creare dei percorsi che conducano i turisti/visitatori direttamente nelle aziende.

“Sono già molte - aggiunge il direttore Ambrogio Manzi - le aziende viticole in grado di accogliere i turisti che arrivano in Emilia-Romagna, provenienti soprattutto dall’estero, alla ricerca di un ‘buon’ stile di vita. Stiamo studiando percorsi ad hoc che abbracciano l’intera regione per cogliere questa interessante opportunità legata alla crescente domanda di turismo cultural-enogastronomico”. A Vinitaly lunedì 16 aprile ci sarà un appuntamento proprio per parlare di questa iniziativa in collaborazione con Regione, Movimento del turismo del vino, Unioncamere Emilia-Romagna e Apt Servizi.

In Emilia-Romagna la crescita più alta d’Italia

Un itinerario alla scoperta dei profumi e dei sapori del “vigneto Emilia-Romagna” quello che ci permette la partecipazione regionale a Vinitaly 2018, che viene a cadere in un momento particolarmente favorevole per la viticoltura regionale. A confortare sono soprattutto le statistiche sull’andamento dell’export, che nei primi nove mesi del 2017 (gennaio-settembre, ultimo aggiornamento disponibile, fonte Unioncamere ER), mettono in evidenza un incremento delle vendite oltreconfine di +11,8% in valore sullo stesso periodo dell’anno precedente, per un importo di oltre 230 milioni di euro.

Una performance migliore del corrispondente trend nazionale, ancorato a un pur brillante +6,6%, che colloca l’Emilia-Romagna sul gradino più alto del podio per crescita tra le cinque regioni che esportano di più, davanti al Veneto e prima anche di Piemonte, Toscana e Trentino-Alto Adige.

Gli appuntamenti a Verona tra gare, premi e musica fuori salone

Venendo agli aspetti più conviviali del programma di appuntamenti organizzati da Enoteca regionale, domenica 15 aprile saranno svelate le squadre che partecipano a “Emilia-Romagna a tutto campo”, innovativo format ispirato alla metafora del calcio lanciato in collaborazione con il noto comunicatore e pluristellato sommelier, il romagnolo Luca Gardini: 11 professionisti degustatori di vino, giornalisti, comunicatori italiani e stranieri hanno selezionato  ciascuno 11 vini monovarietali, andando così a comporre le squadre dei vini regionali

Tra gli altri appuntamenti in calendario la cerimonia di consegna del titolo di ‘Ambasciatore dei vini dell’Emilia-Romagna’, per premiare giornalisti e opinion leader che per la loro storia e attraverso il loro lavoro si sono contraddistinti per la valorizzazione dei vini regionali.

Sarà premiato dagli organizzatori di Vinitaly come "benemerito della viticoltura emiliano-romagnola" pure Luciano Zeoli, titolare dell’azienda Monticino Rosso di Imola e produttore di una delle migliori espressioni di Albana, il più prestigioso ‘bianco’ autoctono di Romagna.

Il padiglione dell’Enoteca ospiterà inoltre un’iniziativa organizzata dall’associazione nazionale ‘Le Donne del vino’, capitanate dalla delegata regionale Antonietta Mazzeo. Infine, nell’ambito di "Vinitaly and the city", il fuori salone che coinvolge le vie e le piazze più suggestive di Verona, Enoteca regionale gestirà per quattro serate in piazza San Zeno, dove si esibiranno, tra gli altri, l’orchestra Casadei e i Modena City Ramblers.

Infine, sempre nel padiglione 1 di Vinitaly sarà possibile avere informazioni per scaricare la appVia Emilia Wine&Food', la prima ‘dispensa’ tascabile dell’Emilia-Romagna in italiano e inglese (gratis sui market Ios e Google Play): un vademecum a portata di smarthphone e tablet che, con un click, porta alla scoperta delle 21 denominazioni enologiche regionali con oltre 300 cantine e mille etichette. Promossa a Vinitaly dall’assessorato Agricoltura con Ais (Associazione italiana sommelier Emilia-Romagna), regalerà una bottiglia di vino offerta dall’Enoteca regionale ai tre fortunati che saranno sorteggiati tra chi scaricherà l’applicazione.

Il settore in cifre

Il vino è uno dei settori di punta dell’agricoltura dell’Emilia-Romagna, con una produzione lorda vendibile (plv) 2016 di 315 milioni di euro, il 7,3% sul totale di oltre 4,3 miliardi di euro.

I vigneti si estendono in regione su circa 51.700 ettari. Ravenna è la provincia con la più ampia superfice coltivata (29,9%), seguita da Modena (15,5%), Reggio Emilia (15,4%), Forlì-Cesena (11,6%), Bologna (11,4%), Piacenza (10,2%), Rimini (3,7%), Parma (1,1%) e Ferrara (1%).

I cinque vitigni più diffusi sono: Trebbiano (29,1% delle superfici), Sangiovese (13,2%), Lambrusco Salamino (9,8%), Ancelotta (8%) e Lambrusco Grasparossa (circa 4%).

Tra i primati che vanta la vitivinicoltura dell’Emilia-Romagna spicca la riconferma del Lambrusco come vino più acquistato nel 2017 nei supermercati e discount italiani, il principale canale distributivo. Le vendite, ha certificato un’indagine Iri per Vinitaly, hanno superato i 13,1 milioni di ettolitri in bottiglie da 0,75 litri (0,1%), per un valore di oltre 47 milioni di euro (+2,9%).

Da segnalare tra le etichette regionali in ascesa l’ottima performance dell’Ortrugo, il bianco autoctono del piacentino in fase di grande rilancio che l’anno scorso si è piazzato al terzo posto per incremento delle vendite (+18,8%), alle spalle di Grillo (Sicilia) e Primitivo (Puglia).

Azioni sul documento
Pubblicato il 04/04/2018 — ultima modifica 04/04/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it