Fattorie didattiche

Fattoria Magnoni

La fattoria si trova a Modena sul lungo argine Naviglio

E' situata sul lungo argine del Naviglio, nella prima periferia della città. I terreni, circa 33 ettari suddivisi in due poderi, sono coltivati con il metodo biologico sin dal 1979 e l’allevamento degli animali è praticato con metodologie etologiche.
Per lo svolgimento delle attività didattiche Fattoria Magnoni mette a disposizione degli utenti la propria sede di via Attiraglio, completamente immersa nella campagna modenese. Si tratta di un piccolo podere  su una superficie di circa 3 ettari di terreno circondato da siepi di essenze autoctone. Si possono osservare ed accarezzare: cani, gatti, conigli, cavie, caprette, oche, anatre, un pony e un’asinella, faraone, tacchini e pavoni. Inoltre Fattoria Magnoni ha aderito al progetto per la salvaguardia dell’agrobiodiversità promosso dalla Provincia di Modena e alleva esemplari di vacca bianca valpadana e galline di razza modenese in pericolo d’estinzione.

Dove siamo

Fattoria Magnoni

Via Attiraglio, 437
41100 - Modena

Tel./fax  059 312161  cell 3479636296

Come arrivare
Da Modena per Albareto, a 3Km circa a sx in via Bertola; dopo il ponte a dx in via Attiraglio e a circa 1 Km sulla sx un cancello verde; o da via Canaletto per 3 Km in via Stradello San Matteo.
Come raggiungere la Stalla:
da Modena raggiungere Albareto, dopo 2 Km superato il ponticello percorrere altri 200 m e trovata la siepe di salici a dx c’è la stalla.
Da Modena per Mirandola, via Canaletto, a 4 Km a dx per Albareto. All’incrocio con semaforo lampeggiante a sx e riprendere le indicazioni suddette. Disponibilità parcheggio.

Percorsi e laboratori didattici

  • Il giardino dai mille colori: anche le piante cambiano vestito ad ogni stagione

Esploriamo la fattoria, osserviamo la natura e raccogliamo, annusiamo, assaggiamo … ascoltiamo, frutti, fiori e bacche, utilizziamo i pigmenti naturali per colorare i disegni, stoffe, oggetti, ecc... come quando non esistevano i pennarelli e le matite.

  • La bottega dei giochi dimenticati

Utilizziamo gli elementi naturali e materiale di recupero per stimolare la fantasia.
Costruiamo i giochi del passato: trampoli, burattini, spaventapasseri, aquiloni, mezzi di trasporto, ecc… modelliamo la creta e la pasta naturale come più ci piace.

  • A tu per tu con gli animali

Conosciamo gli animali della fattoria, osserviamoli, accarezziamoli, ascoltiamo come comunicano, diamo loro il cibo di cui si nutrono, apprendiamo i procedimenti e le tecniche di allevamento e come avviene la trasformazione dei prodotti. Usiamo diversi materiali (creta, pasta naturale, cartone, legno, ecc.) per modellare i nostri nuovi amici, oppure, manipoliamo, trasformiamo i prodotti che ogni giorno ci donano (latte, uova, cera d’api ecc…).
Dopo la visita della fattoria sono previsti laboratori ludici e giochi didattici volti a stimolare la sensorialità dei bambini, sviluppando la socializzazione, una capacità percettiva e manuale sempre più povera e scarsamente coltivata nella vita in città. Ogni intervento verrà strutturato sulla base dell’età e del numero dei partecipanti.

  • L’agricoltura biologica

Che cos’è, quali sono i metodi utilizzati e perché è importante un prodotto biologico.
Visita ai campi coltivati e ai prati stabili dell’azienda alla ricerca delle specie utili e dannose, osserviamo le siepi e riflettiamo sulla loro importanza come corridoi ecologici.
Costruiamo mangiatoie e nidi artificiali da installare nel giardino della scuola.
Impariamo a leggere le etichette che troviamo sui prodotti.

  • Cosa succede ogni giorno nell’alveare

Viaggio alla scoperta del mondo delle api, osservazioni dirette, laboratori manuali per sapere tutto quello che ronza attorno a questi piccoli insetti.

  • Le verdure da sgranocchiare

Come produrre le verdure che mangiamo. Impariamo a conoscerle, seminiamole, curiamole e raccogliamole.
Come conservare i prodotti dell’orto in modo naturale.
Attraverso questo ciclo di proposte s’intende fornire agli alunni una conoscenza di base sul sistema ecologico della pianura e sull’importanza della conservazione degli ecosistemi naturali, apprendere procedimenti sull’allevamento degli animali e sulla trasformazione dei prodotti, tramandare usi, costumi e tradizioni della cultura contadina.

  • A tu per tu con gli animali

Conoscere gli animali della fattoria è possibile anche a scuola. Simona la contadina, ad ogni visita alla classe può far conoscere ai bambini i suoi piccoli amici (api, conigli, caprette, pulcini, anatroccoli, ecc…), svelare mille segreti, offrendo l’occasione di un contatto diretto. Nel rispetto di norme igieniche e della sicurezza ma anche del benessere degli ospiti, è possibile osservare la schiusa delle uova, allevare (per alcuni giorni) pulcini, bruchi, ecc. in classe, rielaborare l’esperienza attraverso laboratori manuali e creativi.

Periodo di atitvità: da marzo a ottobre

Servizi

  • Campi estivi
  • La fattoria effettua vendita diretta
  • Presenza di animali
  • Servizi igienici per disabili
  • Produzione biologica
Azioni sul documento
Pubblicato il 30/08/2016 — ultima modifica 10/11/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it