Avversità e difesa delle piante

Idoneità alla certificazione di piante di fragola

La certificazione genetico-sanitaria del materiale di moltiplicazione delle piante di fragola è un processo volontario, in vigore su tutto il territorio nazionale, che permette di produrre materiale vivaistico controllato sotto l'aspetto sanitario e genetico

Per ottenere la certificazione delle piante di fragola, i vivaisti devono fare richiesta al Servizio fitosanitario e attenersi a normative quadro specifiche e disciplinari tecnici di produzione.

Il processo, se correttamente seguito, permette di ottenere l'idoneità alla certificazione del materiale prodotto e l'autorizzazione ad accompagnare il materiale con cartellini-certificato che attestano il rispetto di tutte le fasi del processo e la tracciabilità del materiale.

Possono fare richiesta di certificazione i vivaisti in possesso dell'autorizzazione regionale per la produzione di piante da frutto.

Modulo di richiesta annuale

Il vivaista che intende aderire al processo di certificazione per l'anno in corso deve presentare richiesta annuale, corredata di marca da bollo da 16,00 euro, al Servizio fitosanitario competente per territorio, allegata alla prima richiesta dell’anno relativa a una qualsiasi tipologia di materiale prevista.

Richiesta annuale

Richieste per tipologie di materiale prodotto

Materiale di moltiplicazione prebase e base - conservazione e premoltiplicazione

Possono fare richiesta i vivaisti, singoli o associati, regolarmente autorizzati che abbiano il riconoscimento di Centro di Moltiplicazione da parte del Servizio fitosanitario.

Scadenze e adempimenti fragola CCP-CP1-CP2

Materiale certificato in vivaio

Possono fare richiesta di produzione di materiale di moltiplicazione certificato i vivaisti regolarmente autorizzati dal Servizio fitosanitario (vedi Autorizzazione fitosanitaria per attività di produzione di vegetali e prodotti vegetali)

Scadenze e adempimenti Vivai

Normative

Decreto legislativo 25 giugno 2010, n. 124
Attuazione della direttiva 2008/90 relativa alla commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle piante da frutto destinate alla produzione di frutti.

D.M. 20 novembre 2006
Norme tecniche per la produzione di materiali di moltiplicazione certificati della Fragola

D.M. 4 maggio 2006
Disposizioni generali per la produzione di materiale di moltiplicazione delle specie arbustive ed arboree da frutto, nonché delle specie erbacee a moltiplicazione agamica

D.M. 24 luglio 2003
Organizzazione del servizio nazionale di certificazione volontaria del materiale di propagazione vegetale delle piante da frutto

D.M. 14 aprile 1997
Recepimento delle direttive della Commissione n. 93/48/CEE del 23 giugno 1993, n. 93/64/CEE del 5 luglio 1993 e n. 93/79/CEE del 21 settembre 1993, relative alle norme tecniche sulla commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle piante da frutto e delle piante da frutto destinate alla produzione di frutto

Legge regionale n. 3 del 20 gennaio 2004
Norme in materia di tutela fitosanitaria - Istituzione della tassa fitosanitaria regionale. Abrogazione della L.R. 19/1/1998, n. 3 e L.R. 21/8/2001, n. 31

Per approfondire

Per informazioni

Fatima De Vincentis

Azioni sul documento
Pubblicato il 14/11/2014 — ultima modifica 19/11/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it