Avversità e difesa delle piante

Cimice dell'olmo

(Arocatus melanocephalus)

Come tenerle lontane dalle abitazioni

In diverse zone della nostra regione, piccoli insetti si portano sui muri delle case ed entrano nelle abitazioni.
Si tratta di una cimice, Arocatus melanocephalus, che dalle province di Modena e Reggio Emilia (dove è presente già da alcuni anni) ha colonizzato ampi territori della provincia di Bologna. Le infestazioni di questo insetto sono di norma associate alla presenza di olmi negli ambienti circostanti gli edifici. Infatti, all'inizio della primavera, gli adulti della cimice si trasferiscono dai ricoveri invernali agli olmi dove, in corrispondenza degli ammassi di frutti, si accoppiano e depongono le uova.

cimici sul dito su foglie sulla mano

Sempre nei frutti si sviluppano gli stadi giovanili quindi, raggiunto lo stadio adulto (indicativamente dall'inizio di giugno), le cimici abbandonano l'olmo e si disperdono nell'ambiente alla ricerca di ripari. In questa fase si possono ritrovare gli insetti su vari alberi (querce, sotto le placche della corteccia dei platani, frutti di conifere, anfratti della corteccia delle robinie, ecc.) e nelle abitazioni.

Va ricordato che Arocatus melanocephalus non rappresenta un pericolo per l'uomo e gli animali domestici: non punge e non veicola alcun patogeno. Tuttavia, la presenza massiccia e continua di gruppi di adulti negli appartamenti (nei battiscopa, nei serramenti, all'interno degli arredi quali mobili della cucina e letti), unita alla capacità dell'insetto di emettere un odore sgradevole quando è molestato, determinano allarme e preoccupazione tra i cittadini.

Sconsigliamo in ogni caso l'impiego indiscriminato di insetticidi ad uso domestico, in quanto pericolosi per la salute delle persone ed inutili al fine di contenere le infestazioni.

Questo fenomeno deve essere affrontato con un approccio integrato che preveda: la pulizia delle aree degradate ed incolte (dove spesso è abbondante la presenza di arbusti di olmo e di nicchie idonee allo svernamento), la raccolta ed eliminazione dei frutti di olmo caduti a terra, la messa in opera di barriere in porte e finestre che limitino l'ingresso degli adulti nelle case (chiusura di eventuali crepe, installazione di zanzariere, ecc.).
I tecnici comunali preposti alla gestione e manutenzione del verde potranno valutare l'opportunità di un trattamento con prodotti fitosanitari a bassa tossicità per l'uomo da effettuare alla chioma degli olmi il prossimo anno, entro la seconda metà del mese di maggio.

Attenzione! Non confondere la Cimice dell'olmo con altri ligeidi non molesti

Oxycarenus lavaterae
La specie è spesso confusa con la cimice dell'olmo (Arocatus melanocephalus) per via dell'aspetto degli adulti (neri con emielitre parzialmente rossastre e lunghi 5-6 mm) e del comportamento gregario (l'inverno è trascorso dagli adulti ammassati sui tronchi di piante arboree, soprattutto tiglio). Le forme giovanili evolvono a spese dei semi di Malvacee (es. malva e ibisco).

Pyrrhocoris apterus
L'adulto misura 9 mm ed è nero con disegni rossi. Le emielitre sono rosse e nere con un'evidente macchia rotonda nera centrale. L'insetto vive a spese di varie piante spontanee ed ha comportamento gregario.

Arocatus longiceps
Molto simile per dimensioni, colore e biologia, si differenzia da A. melanocephalus perché ha come pianta ospite il platano e non ha tendenza ad ammassarsi negli edifici.

Pieghevole
Che cos'è, come si sviluppa, come possiamo difenderci, perché crea tanto allarme

Con i primi caldi arriva in casa la cimice dell'olmo
Non  Agricoltura settembre 2007

Azioni sul documento
Pubblicato il 04/12/2012 — ultima modifica 28/09/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it