Avversità e difesa delle piante

Ancora vietati per tutto il 2016 gli impianti di Crataegus in Emilia-Romagna

(Dicembre 2015) Il divieto riguarda le piante di biancospino e altre piante ornamentali del genere Crataegus che possono costituire un rischio per la disseminazione di Erwinia amylovora, agente del colpo di fuoco batterico.

Le piante appartenenti al genere Crataegus sono particolarmente sensibili al colpo di fuoco batterico e il divieto in Emilia-Romagna di utilizzare queste piante per nuovi impianti, in vigore dal 2001, ha contribuito in questi anni a ridurre il numero di focolai della malattia. Con Determinazione del Servizio fitosanitario n. 18763 del 29/12/2015 questa misura è stata prorogata fino al 31 dicembre 2016 con l'obiettivo favorire l'azione preventiva e di contrasto alla diffusione del colpo di fuoco batterico delle pomacee, condotta costantemente dagli agricoltori.

crataegus_1

Il colpo di fuoco batterico, causato da Erwinia amylovora, è tuttora presente e diffuso nella nostra regione. Biancospini (Crataegus monogyna, C. levigata), azzeruoli (Crataegus azarolus)e altri Crataegus ornamentali sono oggetto di minori controlli rispetto alle specie frutticole e possono costituire un pericoloso serbatoio di infezione e di propagazione della batteriosi, mettendo a rischio le coltivazioni di pomacee e le produzioni vivaistiche di piante di pero e melo. La presenza di focolai della malattia, oltre ad aumentare il rischio che le giovani piante si ammalino, ne limita infatti la commercializzazione in base alle disposizioni comunitarie vigenti.

Il divieto si riferisce esclusivamente ai nuovi impianti. Saranno il Servizio fitosanitario, gli Enti locali e il Corpo Forestale dello Stato a vigilare sulla corretta applicazione del provvedimento. Per chi non rispetterà il divieto e non estirperà le piante entro i termini previsti dalla legge sono previste sanzioni da 200 a 1200 Euro, o di importo raddoppiato se a commettere la violazione saranno vivaisti o ditte professionalmente impegnate nella realizzazione o nella manutenzione di parchi o giardini.

Documenti

Determinazione n. 18763 del 29 dicembre 2015
Divieto di messa a dimora nella Regione Emilia-Romagna di piante appartenenti al genere Crataegus spp. Anno 2016

Determinazione del Responsabile del Servizio fitosanitario regionale del 6 novembre 2001, n. 11514
Istituzione di una Zona fitosanitaria tutelata nel territorio della provincia di Ferrara.

Determinazione del Responsabile del Servizio fitosanitario regionale del 25 settembre 2001, n. 9
Istituzione di una Zona fitosanitaria tutelata nel territorio della provincia di Ravenna

Legge regionale n. 3 del 20 gennaio 2004
Norme in materia di tutela fitosanitaria - Istituzione della tassa fitosanitaria regionale. Abrogazione della L.R. 19/1/1998, n. 3 e L.R. 21/8/2001, n. 31

Link

Azioni sul documento
Pubblicato il 23/11/2012 — ultima modifica 21/10/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it