Avversità e difesa delle piante

Cocciniglia cotonosa del pino

(Crisicoccus pini)

Pianta infestata da Crisicoccus pini 3

A Milano Marittima il primo caso in Italia

Nell'estate 2015 in alcune zone a nord di Milano Marittima si è verificato il deperimento di diverse alberature di pini marittimi e domestici, che in breve tempo ha causato il disseccamento parziale o totale di oltre un centinaio di piante pubbliche e private. Nell'area interessata da questo fenomeno, che si trova poco distante dalla pineta storica di Cervia, il Servizio fitosanitario ha effettuato controlli e campionamenti che hanno portato all'identificazione della specie Crisicoccus pini, una cocciniglia cotonosa appartenente alla famiglia degli Pseudococcidi, mai rinvenuta prima in Italia.

In Europa questo insetto, che è originario Giappone, è stato segnalato solo in Francia su bonsai. Con la collaborazione del Dipartimento di Agronomia, Animali, Alimenti, Risorse Naturali e Ambiente dell'Università di Padova, che ha identificato l'insetto, il Servizio fitosanitario ha condotto indagini per approfondire aspetti ancora poco noti del suo ciclo biologico e delle modalità di attacco. Ha inoltre predisposto un piano di controllo per fermare la diffusione della cocciniglia e risanare le piante ancora non gravemente danneggiate, che il Comune di Cervia ha reso immediatamente esecutivo. Il piano di lotta a C. pini è stato presentato a Cervia il 30 novembre 2016 in un incontro tecnico con professionisti, giardinieri locali, tecnici e amministrazioni confinanti e in un incontro pubblico con associazioni di categoria, amministratori di condomini, agenzie immobiliari di affitto e cittadini.

le neanini 3

Per quanto riguarda le piante infestate poste in aree pubbliche, si è proceduto all'abbattimento di 130 esemplari di varie dimensioni di pino domestico e marittimo gravemente compromessi, e sono stati effettuati interventi di endoterapia su oltre 1000 piante colpite da C. pini. Per i trattamenti è stato utilizzato l'insetticida Abamectina, registrato per conifere in ambito urbano e caratterizzato da un favorevole profilo eco-tossicologico.

Al di fuori dell'area sottoposta ai trattamenti endoterapici, nel 2016 sono stati effettuati lanci con insetti utili (Cryptolaemus montrouzieri, Nephus includens e, in via sperimentale, Anagyrus pseudococci) allo scopo di contenere in modo naturale le popolazioni del parassita. Il programma dei lanci è stato coordinato da Bioplanet di Cesena.

Per il verde privato sono state adottate analoghe misure di intervento al fine di contenere l'infestazione: con un'ordinanza del Sindaco di Cervia sono state emanate disposizioni obbligatorie per la lotta alla cocciniglia a carico dei proprietari di residenze private, alberghi o esercizi commerciali.

Adulto di Anagyrus pseudococci S.Foschi - Bioplanet Adulto di Nephus includens S.Foschi - Bioplanet Criptolaemus adulto S.Foschi - Bioplanet Criptolaemus montrouzieri larva S.Foschi - Bioplanet

Per approfondire

Piano di controllo della cocciniglia cotonosa Crisicoccus pini

Scheda di segnalazione avversità conifere

D.M. 17 marzo 2016
Misure d'emergenza per impedire la diffusione di Crisicoccus pini Kuwana nel territorio della Repubblica italiana

Notizie

Crisicoccus pini
(aprile 2016) Parte la lotta biologica

Segnalazioni

Scheda di segnalazione avversità conifere

A chi rivolgersi

Nicoletta Vai

Azioni sul documento
Pubblicato il 25/11/2015 — ultima modifica 10/11/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it