Divieto di utilizzo agronomico dei liquami dal 15 novembre prossimo

Spostato in avanti di 15 giorni, a causa della particolare situazione agrometeo dei terreni regionali.
Divieto di utilizzo agronomico dei liquami dal 15 novembre prossimo

distribuzione liquami in campo

La direzione regionale territorio e ambiente, con la determina n. 17163 del 30 ottobre, ha spostato la decorrenza dei termini, precedentemente fissata al primo novembre, per il divieto di effluenti di allevamento e altri fertilizzanti azotati necessari alla fertilizzazione dei terreni.

La Regione può infatti disporre una diversa decorrenza dei periodi di divieto, nel caso si verifichino situazioni pedoclimatiche tali da garantire un’attività microbiologica nel suolo e lo sviluppo vegetativo delle colture.

Considerato quanto riportano i bollettini agrometeorologici settimanali, realizzati da Arpae, la scarsa umidità dei terreni e la consistente capacità di assorbimento di eventuali piogge riducono il rischio di perdite per lisciviazione.

Inoltre, le previsioni meteorologiche per le prossime settimane indicano che ci sarà ancora alta pressione e che le precipitazioni saranno comunque di scarsa consistenza.

Per le zone vulnerabili da nitrati, su prati di media durata (compresi i medicai dal 3°anno) e lunga durata, colture arboree con inerbimento, colture a ciclo autunno-vernino in atto o in presemina, la decorrenza del divieto di utilizzazione è dal 15 novembre 2017 al 12 febbraio 2018 (compresi), per la distribuzione dei liquami e assimilati, dei letami e assimilati, dei concimi azotati e degli ammendanti organici . La disposizione comprende anche l’impiego dei correttivi in presemina alle colture a ciclo autunno-vernino.

Anche per le zone non vulnerabili da nitrati, sempre relativamente ai tipi di colture sopra indicate, il divieto vale dal 15 novembre 2017 al 12 febbraio 2018 (compresi), ma ovviamente unicamente per la distribuzione dei liquami e assimilati e dei letami e assimilati, unici effluenti il cui uso non è libero in queste zone.

Maggiori informazioni sono disponibili alla pagina dedicata al tema dell’utilizzo agronomico di effluenti e nitrati.

Azioni sul documento
Pubblicato il 31/10/2017 — ultima modifica 02/11/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it