Continua anche per il 2018 il divieto a nuovi impianti di Crataegus

Possono costituire un rischio di disseminazione di Erwinia amylovora, agente del colpo di fuoco batterico.
Continua anche per il 2018 il divieto a nuovi impianti di Crataegus

Crataegus sp.

Le piante appartenenti al genere Crataegus sono particolarmente sensibili al colpo di fuoco batterico e il divieto in Emilia-Romagna di utilizzare queste piante per nuovi impianti, in vigore dal 2001, ha contribuito in questi anni a ridurre il numero di focolai della malattia.

Con determinazione del servizio fitosanitario n. 20855 del 27 dicembre scorso, il divieto è stato prorogato fino al 31 dicembre 2018 per favorire l'azione preventiva e di contrasto alla diffusione del colpo di fuoco batterico delle pomacee, condotta costantemente dagli agricoltori.

Il colpo di fuoco batterico

Causato dal batterio Erwinia amylovora, è tuttora presente e diffuso nella nostra regione e biancospini (Crataegus monogyna, C. levigata), azzeruoli (Crataegus azarolus) e altri Crataegus ornamentali, oggetto di minori controlli rispetto alle specie frutticole, possono costituire un pericoloso serbatoio di infezione e di propagazione della batteriosi, mettendo a rischio le coltivazioni di pomacee e le produzioni vivaistiche di piante di pero e melo.

Il divieto si riferisce esclusivamente ai nuovi impianti. Saranno il servizio fitosanitario, gli enti locali e il Comando unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare (ex Corpo forestale dello Stato) a vigilare sulla corretta applicazione del provvedimento.

Per chi non rispetterà il divieto e non estirperà le piante entro i termini previsti dalla legge sono previste sanzioni da 200 a 1200 euro, o di importo raddoppiato se a commettere la violazione saranno vivaisti o ditte professionalmente impegnate nella realizzazione o nella manutenzione di parchi o giardini.

Per maggiori informazioni consultare la pagina dedicata al Colpo di fuoco, a cura del servizio fitosanitario regionale.

Azioni sul documento
Pubblicato il 10/01/2018 — ultima modifica 10/01/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it