EMD 2018 a Burgas in Bulgaria

Una delegazione regionale alla conferenza che Commissione Europea – DG MARE organizza in occasione della giornata europea per gli affari marittimi

Lo European Maritime Day  lanciato nel maggio del 2008 con una Dichiarazione congiunta tripartita dei Presidenti del Consiglio, del Parlamento Europeo e della Commissione, nell’intento di aprire un tavolo di lungo periodo sull’importanza strategica delle politiche marittime integrate.
Lo EMD viene celebrato annualmente nell’ambito di una Conferenza internazionale, che la Commissione Europea – DG MARE  organizza per il 2018 Burgas (Bulgaria) il 31 maggio e 1 giugno.

La Conferenza approfondirà lo stato dell’arte di politiche trasversali come la Blue Growth e le Politiche marittime integrate, prevede tavoli politici e seminari tematici e intende costituire un passo in avanti verso il lancio di una "strategia europea integrata per gli affari marittimi".

La due giorni prevede seminari e approfondimenti tematici sui temi di attualità per le regioni europee, tra cui il futuro del fondo FEAMP dopo il 2020, le soluzioni al problema della plastica abbandonata nei mari europei, le iniziative per il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità ONU al 2030 legati ai settori della pesca ed acquacoltura.

Sarà soprattutto l’occasione per un opportuno confronto su temi di comune interesse tra i soggetti attivi della “Comunità marittima europea”, piattaforma di coordinamento inter istituzionale aperta anche agli operatori economici e professionali, alle ONG, ed agli stakeholders del settore della Blue economy per collaborare sui temi delle politiche marine, marittime e costiere.

L'agenda dei lavori a Burgas


 L’evento di apertura politica del 31 maggio, prevede la presenza del Commissario europeo Karmenu Vella e della commissione REGI del Parlamento UE. Questo incontro sarà preceduto da una riunione straordinaria fuori sede del Comitato delle Regioni, e si concluderà con una dichiarazione interministeriale di promozione di una Agenda Marittima Comune per il Mar Nero.
 Il 31 maggio e il 1° giugno, sono previste sedute plenarie sui temi: Big Bang Black Sea e European funds post 2020.

Inoltre, il 1° giugno si terranno tre sessioni di approfondimento organizzate dalla DG MARE su: "Measuring the EU blue economy", "Turning marine litter into a sustainable business" e "Financing strategic cooperation for blue Growth".

Una riunione di particolare importanza anche per la Regione Emilia-Romagna nella quale, in un contesto di riflessione sul futuro stesso dell’Europa e in particolare sul prossimo Multiannual Financial Framework per il periodo dopo il 2020,  vi è l’intento delle istituzioni europee di avviare un percorso di preparazione alla definizione di una nuova strategia europea per gli affari marittimi.

Occasione per avere un'efficacia giuridica vincolante a quello che oggi è considerato un solido approccio comune e utile per contrastare i tentativi di ridurre o sopprimere il supporto finanziario e normativo alle politiche per pesca e acquacoltura, di affrontare questioni trasversali e globali relative alle zone costiere e marittime con il necessario approccio trasversale, e di dare la necessaria dimensione marittima alle future strategie europee.

Azioni sul documento
Pubblicato il 29/05/2018 — ultima modifica 29/05/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it