Il caratteristico aroma del tartufo: scoperti i geni responsabili

Uno studio internazionale, coordinato da INRA, a cui ha partecipato l'Università di Bologna.
Il caratteristico aroma del tartufo: scoperti i geni responsabili

tartufo bianco pregiato

Il caratteristico aroma del tartufo bianco che lo rende unico e apprezzato in tutto il mondo è dovuto ad un vasto repertorio di geni, simili a quelli presenti nei tartufi neri, responsabili della produzione dei composti organici volatili.

La notizia deriva da un importante studio compiuto da un team internazionale guidato da Francis Martin e i suoi colleghi presso l'Istituto nazionale francese per la ricerca agricola (INRA), che ha sequenziato, tra gli altri,  il genoma del tartufo bianco pregiato (Tuber magnatum) e del tartufo estivo (Tuber aestivum).

A questo team hanno partecipato numerose istituzioni scientifiche italiane ed in particolare le Università di Bologna, Torino, l’Aquila ed il CNR di Perugia.

Questa proficua collaborazione iniziò nel 2008 con la creazione del TUBER GENOME CONSORTIUM che aveva lo scopo di sequenziare il genoma di Tuber melanosporum (Tartufo nero pregiato), primo fra le specie del genere Tuber ad essere sequenziato.

Questo studio fa parte di un più ampio progetto (1KFG Project) che ha in programma di sequenziare 1.000 genomi fungini. Esso nasce da un’iniziativa del Joint Genome Institute e di un’ampia comunità scientifica internazionale che aspira ad aumentare le conoscenze sui funghi.

Questi progetti di genomica forniscono gli strumenti conoscitivi per poter sfruttare i funghi, che stanno alla base degli equilibri ecosistemici, da un punto di vista biotecnologico.

Per quanto riguarda i tartufi, il sequenziamento del loro genoma può permettere di individuare nuovi marcatori molecolari per individuarne l’origine, mettere a punto substrati più idonei alla loro coltivazione.

Azioni sul documento
Pubblicato il 26/11/2018 — ultima modifica 26/11/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it