Cimice asiatica, che fare?

Le informazioni del Servizio Fitosanitario regionale ad agricoltori e cittadini per contenere i danni e convivere con questo "nuovo" ospite.

Si tratta della specie Halyomorpha halys originaria dell’Asia orientale. È una cimice marmorizzata già arrivata da alcuni anni negli Stati Uniti e in alcuni Paesi europei, in grado di provocare seri danni a piante da frutto, ortive e ornamentali.

In Emilia-Romagna Halyomorpha halys è stata trovata per la prima volta in provincia di Modena nel settembre del 2012, in pochi anni l’insetto si è rapidamente diffuso in tutta l’area di pianura, anche se con popolazioni numeriche diverse da provincia a provincia e da zona a zona.

Pesanti i danni causati dagli attacchi della cimice nell'area del modenese dove si concentra la maggiore superficie di coltivazione del pero, ma sono stati segnalati danni anche su mele, kiwi e pesche.

In questo portale  alla Cimice asiatica è dedicata dal Servizio Fitosanitario regionale una serie d'informazioni e i materiali infornativi che possono interessare i produttori.

I consigli per gestire la presenza di questi insetti in casa e negli edifici.

La cimice asiatica non punge, non è pericolosa per il genere umano, ma causa gravi danni alle produzioni agricole e può diventare davvero fastidiosa quando si annida negli edifici.

La cimice asiatica (Halyomorpha halys) si nutre infatti di piante e in autunno per ripararsi dalle temperature in diminuzione, migra verso abitazioni, cantine, magazzini dove passa l’inverno.

In questo periodo, diverse aree della nostra regione registrano numeri da vera e propria “emergenza cimici”.

Al servizio Fitosanitario arrivano quotidianamente numerose telefonate di cittadini che chiedono come gestire la presenza di questi ospiti indesiderati.

Prima indicazione: sconsigliati gli insetticidi.

Meglio usare altri metodi e strumenti. Una scheda informativa  del Servizio Fitosanitario illustra cosa conviene fare per prevenire e contenere la presenza delle cimici asiatiche in casa, e non solo.

Azioni sul documento
Pubblicato il 18/10/2018 — ultima modifica 19/10/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it