PORRETTA SLOW: dal treno di JOHN CAGE ai prodotti del territorio

Il 13 e 14 ottobre 2018 ad Alto Reno Terme (Bo) quinta edizione dell’evento che vuole raccontare storia e realtà dell’Appennino Tosco-Emiliano.

Un’edizione di Porretta Slow  legata agli anniversari quella di quest’anno per una due giorni che lega il progetto “Transappenninica”, il viaggio su treno storico da Bologna a Porretta Terme lungo l’antica via della Ferrovia Porrettana, a “Porretta Città della Musica” con la rievocazione del 40° anniversario del treno storico di John Cage e all’identità enogastronomica dell’Appennino Tosco-Emiliano,  nel rapporto di collaborazione e valorizzazione tra le regioni  Toscana ed Emilia-Romagna,  con mercati, incontri, laboratori e quiz show.

AI fortunati viaggiatori che potranno salire sul treno storico verrà̀ offerta una animazione musicale ed enogastronomica in ricordo del viaggio che attraversò la linea Porrettana nel 1978, sotto la direzione artistica del compositore ed artista californiano John Cage. L’offerta musicale varierà dal genere folk, al liscio, al jazz, al rock fino alla musica elettronica.

Arrivati a Porretta Terme si potranno degustare le prelibatezze offerte dal Mercato dell’Appennino Tosco-Emiliano e seguire i numerosi appuntamenti organizzati in collaborazione con Slow Food Emilia-Romagna e Strada dei Vini e dei Sapori dell’Appennino Bolognese.

 Il tutto accompagnato da un’offerta musicale che vuol far rivivere e conoscere ai più giovani la vita e le opere di John Cage, con una particolare attenzione e riscoperta della musica elettronica e dei suoi strumenti vecchi e nuovi.

Alla presentazione di questa mattina a FICO – Fabbrica Italiana Contadina hanno partecipato: Nicolò Savigni assessore al turismo di Alto Reno Terme che ha segnalato il grande successo e attesa per la manifestazione con oltre 12.000 link al sito e 400 biglietti “ferroviari” bruciati in un’ora, il cui importo è devoluto all’Associazione “Bimbo Tu” che segue piccoli e genitori dei reparti pediatrici dell’Ospedale Bellaria di Bologna.

Raffaela Donati presidente di Slow Food Emilia-Romagna ha ricordato la collaborazione a tutte e cinque le edizioni di Porretta Slow, in particolare per il “Progetto Appennino” che l’associazione porta avanti da alcuni anni e per la recente convenzione con la Regione Emilia-Romagna, per iniziative di valorizzazione dei prodotti e dei territori regionali.

Per Matteo Calzolari, presidente della Strada dei vini e dei sapori dell’Appennino bolognese e  ”padrone di casa” nel forno/laboratorio a FICO, l’importanza d’iniziative come quella di Porretta Slow sta nel legare i prodotti al racconto del territorio, permettendo sia a piccoli produttori di farsi conoscere sia al pubblico più ampio di trovare nei mercati appositamente realizzati storia, cultura e produzioni del tutto particolari e spesso uniche.

 Simona Caselli, assessore regionale all’agricoltura ha infine riassunto i punti salienti  dell’iniziativa del prossimo fine settimana ricordando alcuni dei principali momenti d’incontro: si parte con la castagna prodotto tipico della zona, che dopo anni di crisi vede finalmente la produzione a tornare a livelli soddisfacenti e per la quale il rapporto con la Regione Toscana servirà a realizzare nuove iniziative di promozione e valorizzazione.  Dal protocollo firmato recentemente con Slow Food sono già derivate iniziative comuni di grande successo, come il recente spazio a Terra Madre/Salone del Gusto di Torino e altri progetti di valorizzazione puntano a far conoscere i Presìdi vecchi e nuovi, giunti ormai a 17 prodotti.

Infine, Caselli ha ricordato l’importanza d’iniziative come Porretta Slow per rivitalizzare e mantenere le comunità e i turisti nei territori dell’Appennino, dove fare impresa è certamente più complicato ma dove i risultati sono spesso di grande valore e finché si continuerà “a sentire il profumo del pane appena sfornato”, il paese continuerà a vivere e ad attirare consumatori e viaggiatori alla ricerca di prodotti e territori di grande qualità.

Azioni sul documento
Pubblicato il 10/10/2018 — ultima modifica 10/10/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it