In Emilia-Romagna via a 173 progetti contro il dissesto

La Regione investe 17 milioni di euro per la sicurezza di stalle, fienili, serre, magazzini e terreni agricoli. L'assessore Caselli: "La prevenzione è l'asse portante dell'azione regionale per la messa in sicurezza del territorio"

Consolidamento di versanti a rischio di smottamenti e frane; lavori di carattere strutturale sul reticolo idrografico minore (fossi, canali e rii); opere di regimazione idraulico-forestale come briglie, traverse, muretti e terrazzamenti; infine, realizzazione di canalizzazioni e pozzetti per il drenaggio delle acque superficiali.

La Regione Emilia-Romagna continua ad investire sulla messa in sicurezza del territorio con 173 progetti finanziati con circa 17 milioni di euro. Obiettivo, prevenirefenomeni di dissesto idro-geologico dovuti a maltempo e avversità climatiche nelle aziende agricole e zootecniche.

Un piano di interventi che abbraccia tutto il territorio regionale, dall’Appenino piacentino al riminese, e che vede come protagonisti gli enti pubblici del territorio (129 progetti approvati), le aziende agricole (36) e otto raggruppamenti temporanei di impresa.

È l’esito di un bando del Programma regionale di sviluppo rurale 2014-2020 per la riduzione del rischio di danneggiamento del potenziale produttivo agricolo – stalle, fienili, serre, immobili per la lavorazione e trasformazione dei prodotti agricoli, magazzini per attrezzi, frutteti, vigneti e uliveti, vivai e terreni seminabili – legato all’intensificarsi dei fenomeni estremi derivanti dal cambiamento climatico.

La ripartizione per provincia

Dei 173 progetti inseriti nella graduatoria finale del bando e finanziati, 9 riguardano la provincia di Bologna, per un totale di contributi di circa 640 mila euro. A seguire Forlì-Cesena (28 progetti approvati, circa 3,1 milioni), Modena (28, circa 2,7 milioni), Piacenza (37, oltre 3,8 milioni), Parma (36, oltre 3,2 milioni), Ravenna (6, oltre 450 mila), Reggio Emilia (19, circa 2,3 milioni) e, per finire, Rimini (10 progetti, per un totale di oltre 650 mila euro).              

“La prevenzione- afferma l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli- è l’asse portante delle politiche regionali per garantire la messa in sicurezza del territorio e, al tempo stesso, la salvaguardia della capacità produttiva delle aziende agricole e zootecniche. Con le risorse messe a disposizione grazie a questo bando, finanziamo progetti finalizzati alla riduzione degli effetti negativi del maltempo, che sempre più frequentemente mette a dura prova la sopravvivenza delle imprese, soprattutto nelle aree di collina e di montagna a rischio di abbandono. Il settore agricolo vive quotidianamente le conseguenze del dissesto idrogeologico e dei cambiamenti climatici ed è da sempre in prima linea per combatterli. Una sfida che si può vincere, a condizione che si affermi un nuovo modello di sviluppo più attento alla gestione delle risorse naturali e alla prevenzione dei rischi”.

Le caratteristiche dei progetti

I singoli progetti possono avere un valore massimo di investimento pari a 150 mila euro, con un contributo regionale che copre fino all’80% della spesa sostenuta dalle singole imprese; percentuale che raggiuge il 100% per interventi realizzati da enti pubblici e raggruppamenti di imprese. Tra le spese finanziabili rientrano anche gli onorari di professionisti e consulenti per studi e indagini geognostiche, nel limite del 10% dell’importo ammissibile.

Nella formazione della graduatoria è stata data priorità agli interventi da effettuare in zone soggette ad alto rischio di frane, oppure in aree svantaggiate dell’Appennino emiliano, piacentino-parmense e dell’Alta Val Marecchia. Punteggio aggiuntivo anche per le aziende guidate da giovani. 

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/11/07 14:03:00 GMT+1 ultima modifica 2019-11-08T09:24:03+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?