A Cesenatico nuova area del porto, dopo i lavori di riqualificazione

Cofinanziamento regionale con i fondi Feamp e altri 1,1 milioni di euro per il dragaggio del porto canale.

Più funzionale, più sicuro e, non da ultimo, esteticamente più bello. Così si presenta agli occhi dei residenti e dei turisti ancora in vacanza sulla costa romagnola il porto di Cesenatico, dopo i lavori di riqualificazione durati più di un anno che hanno cambiato look all’area adiacente al molo di Ponente, dove sono in prevalenza concentrate le attività economiche e produttive legate al mondo della pesca e non solo.

Prima tranche, quella che ha da poco tagliato il traguardo finale, di un più ampio progetto di risistemazione dell’intera area portuale voluto dall’amministrazione comunale per rafforzare la dotazione di servizi a vantaggio delle imprese ittiche e rivitalizzare l’immagine di Cesenatico come borgo marinaro che vanta una ristorazione e una tradizione di ospitalità tra le più calorose in Emilia-Romagna.

L’intervento di riqualificazione ha interessato un’area di circa 7 mila metri quadrati, per un investimento complessivo di oltre 1,1 milione di euro, di cui 227mila a carico delle casse comunali e circa 847mila di cofinanziamento regionale grazie alla partecipazione del Comune rivierasco ad un bando Feamp, il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca.

 La dichiarazione dell'assessore Raffaele Donini

“La pesca e le altre attività ad esse collegate - ha sottolineato Donini - come la lavorazione e trasformazione dei prodotti ittici sono, insieme al turismo, i settori trainanti dell’economia dei territori costieri. Per rafforzare la dotazione di servizi e migliorare la competitività delle piccole e medie imprese del settore c’è bisogno di infrastrutture più moderne ed efficienti e noi stiamo perseguendo questo obiettivo strategico mettendo a disposizione dei porti che s’affacciano sull’Adriatico le risorse europee del Feamp, che ammontano a circa 40 milioni di euro nell’attuale programmazione 2014-2020, circa 24,5 milioni in più rispetto al precedente settennato”.

“In particolare - ha aggiunto Donini - grazie alla rimodulazione dei fondi arrivati inizialmente dal Ministero, abbiamo triplicato le risorse per l’ammodernamento dei porti, portandole da 3 a circa 9 milioni di euro”.

“Il contributo assegnato al Comune di Cesenatico per il completamento della prima parte dei lavori di riqualificazione dell’area portuale - ha concluso - s’inquadra in questa strategia che punta al rilancio della pesca all’insegna del potenziamento dei servizi, della qualità delle produzioni e della sostenibilità ambientale”.

Le caratteristiche del progetto

L’intervento finanziato dalla Regione è consistito nello specifico nella riqualificazione dell’area mercatale, compresa la messa in sicurezza delle banchine del molo di Ponente del porto-canale leonardesco e per la difesa contro le ingressioni del mare in caso di violente mareggiate.

Con questa prima tranche di lavori sono state inoltre innalzate le banchine di circa 25-30 centimetri, fino a raggiugere la stessa altezza del centro storico, e allargate fino a 180 centimetri per rendere più agevoli le operazioni di carico/scarico delle merci.

L’innalzamento delle banchine è stato accompagnato da interventi di consolidamento delle strutture portanti sottostanti (frangiflutto) e dall’adeguamento dei servizi (videosorveglianza, raccolta acque piovane, condotte linee acquedotto ed elettrica). Dal punto di vista architettonico si è inoltre proceduto al rifacimento della pavimentazione delle banchine, sostituendo la selce con blocchi in cemento modulare di colore grigio.   

Analogamente è stata completamente rifatta la pavimentazione del piazzale: la selce levigata presente da diversi decenni è stata sostituita con cemento gettato in opera; un materiale più consono alla destinazione produttiva dell’area, spesso sottoposta al passaggio di automezzi pesanti.

In arrivo ulteriori 1,1 milioni di euro per il dragaggio del porto canale 

È dei giorni scorsi anche la notizia che sono in arrivo a Cesenatico le risorse stanziate dalla Regione - in totale 1,1 milioni di euro suddivisi in due tranche - per il dragaggio del porto canale, dopo  l’ulteriore insabbiamento causato dalle mareggiate dell’autunno scorso.

Un finanziamento preannunciato dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, nel novembre scorso, durante il suo incontro in Comune per fare il punto sulle emergenze, subito dopo la violenta ondata di maltempo.           

L’area interessata dall’intervento si estende per tutta l’ampiezza del canale e per una lunghezza di circa 150 metri a monte e a valle delle porte vinciane. I lavori inizieranno a breve e sono suddivisi in due tranche, rispettivamente di 600mila euro per il 2019 e i restanti 500 mila per il 2020.

Azioni sul documento
Pubblicato il 10/09/2019 — ultima modifica 10/09/2019
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it