Produzioni agroalimentari

Olio extravergine di oliva Colline di Romagna Dop

La presenza dell'olivo, nel territorio che ha come riferimento le prime colline nei pressi della costa adriatica, ha origine molto profonda che sembra risalire agli Etruschi.

Area di produzioneOlio extravergine di oliva Colline di Romagna Dop

Le zone di produzione di questo olio hanno particolari condizioni climatiche: esse danno vita a un olio d’oliva particolarmente forte, che può essere distinto per le sue caratteristiche chimiche ed organolettiche. L’area di lavorazione e di produzione di questo olio d’oliva comprende due province: Forlì-Cesena e Rimini. La provincia di Rimini e per intero i Comuni di: Coriano, Gemmano, Mondaino, Monte Colombo, Montefiore Conca, Montegridolfo, Montescudo, Morciano di Romagna, Poggio Berni, Saludecio, San Giovanni in Marignano, San Clemente, Torriana, Verucchio. In parte i Comuni di: Misano Adriatico, Rimini, Santarcangelo di Romagna. Provincia di Forlì-Cesena, per intero i Comuni di: Borghi, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Civitella di Romagna, Dovadola, Meldola, Mercato Saraceno, Montiano, Predappio, Rocca San Casciano, Roncofreddo e Sogliano al Rubicone. In parte i Comuni di: Bertinoro, Cesena, Forlì, Forlimpopoli, Longiano, Savignano sul Rubicone.

Storia

La presenza dell'olivo, nel territorio che ha come riferimento le prime colline nei pressi della costa adriatica, ha origine molto profonda che sembra risalire agli Etruschi. Il forte radicamento dell’olivo in questo territorio è testimoniato dalla sua presenza anche nella difficile fase storica che vede la caduta dell’impero, il diffondersi delle invasioni barbariche e la crisi del settore agricolo. Nei secoli dell’alto Medioevo, numerose fonti archivistiche segnalano la presenza di oliveti veri e propri nelle campagne collinari presso Santarcangelo di Romagna. Dopo il mille sono più numerose le carte che testimoniano la diffusione dell’olivo in ambito riminese. La documentazione notarile successiva (specie quella quattrocentesca) conferma il peso dell’olivo in tutto il territorio, con particolare diffusione sui rilievi collinari. Nel tardo medioevo, trova una sua eloquente testimonianza grazie alla diffusa presenza dei molini da olio e delle scorte presenti nei castelli di Santarcangelo di Romagna ed in quasi tutti quelli del riminese. All’inizio del XX secolo, l’estrazione dell’olio è una attività diffusa e le olive portate ai frantoi sono tutte raccolte nella provincia stessa. La coltura dell’olivo, in effetti, gode di particolari condizioni climatiche che, unitamente ad appropriate pratiche agronomiche, determinano la produzione di un olio di particolare pregio, in grado di distinguersi per le sue caratteristiche chimiche ed organolettiche. La ripresa consistente è iniziata nel novecento, in particolare negli anni trenta, e si è consolidata nei giorni nostri con la rinascita dei molteplici oliveti destinati alla produzione dell’olio extravergine di oliva Colline di Romagna. Nell’agosto del 2003 ha ottenuto il riconoscimento Dop.

Modalità produttive

Olio extravergine di oliva Colline di Romagna Dop - oliveLa raccolta delle olive è manuale, per evitare che le olive vengano a contatto con il terreno. La successiva trasformazione di olio d’oliva è una grande operazione eseguita entro due giorni dalla raccolta sempre a temperature inferiori a 27 ° C; le olive devono essere sottoposte a defogliazione e lavaggio con acqua pulita prima di iniziare la trasformazione, ogni altro trattamento è vietato. L’estrazione dell’olio deve essere fatta solo con processi fisici e meccanici, per ottenere oli senza possibilità di alterazione delle caratteristiche qualitative presenti nel frutto. La resa massima delle olive in olio non deve superare il 18%. La temperatura della pasta di olive non dovrebbe superare i 27 °C. Durante la trasformazione è vietato l’uso di qualsiasi prodotto ad azione chimica o biochimica come coadiuvante della estrazione dell’olio dalle olive. È immesso al consumo in recipienti preconfezionati, ermeticamente chiusi, idonei dal punto di vista alimentare e con la seguente capienza espressa in litri: 0,10 - 0.25 - 0,50 - 0,75 - 1,00 - 2,00 - 3,00 - 5,00.

Caratteristiche organolettiche delle olive

Le varietà più comuni sono: Correggiolo (60%) Leccino (30%) e una piccola quantità di Pendolino, Moraiolo, Rossina (10%). La produzione di olive per ettaro è fissata in un totale di 7.000 kg che equivale a circa 60 kg per pianta.

Caratteristiche organolettiche dell'olio

  • Colore: dal verde al giallo dorato
  • Profumo: fruttato odore di oliva, a volte di media intensità e, a volte forte, accompagnato da sentori di erba o foglie.
  • Sapore: gusto fruttato di oliva con una leggera amarezza accompagnato da un accenno di mandorla, carciofo e pomodoro.
  • Acidità Totale: acidità massima totale, espressa in acido oleico, in peso, non superiore a 0,5 grammi per 100 grammi di olio.

Come si usa

L'olio extravergine di oliva Colline di Romagna Dop è ottimo sia a crudo sia per la cottura. Ideale per condire insalate, aggiunto a crudo su zuppe di legumi, per maionese, salse vellutate, sul pesce o insalate di mare, per saltare carni bianche, per grigliate di carne o pesce, nei sughi per primi piatti, per stufare verdure, per fritture. Generalmente il primo approccio per la degustazione è la bruschetta.

Informazioni:

Arpo - Associazione Regionale tra Produttori Olivicoli dell’Emilia-Romagna
Via Emilia, 106 - 47900 Rimini
Tel. 0541 741762
www.arpoemiliaromagna.it
a.r.p.o@libero.it

Azioni sul documento
Pubblicato il 18/07/2016 — ultima modifica 25/07/2016
In evidenza
 
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it