mercoledì 20.06.2018
caricamento meteo
Sections

Programma di sviluppo rurale 2014-2020

On line la versione 7.1 del Programma di sviluppo rurale

Sui temi Innovazione e Ambiente le modifiche più rilevanti.

Di seguito le principali modifiche introdotte al testo del Programma con la versione 7.1:

Innovazione

A seguito del grande interesse suscitato dei bandi relativi al tipo di operazione 16.1.01 - Gruppi operativi del PEI per la produttività e la sostenibilità dell’agricoltura in particolare nell’ambito della focus area P2A, la Regione ha destinato 1.4 milioni di euro di risorse regionali integrative per rafforzare gli interventi in favore della messa a punto e trasferimento delle innovazioni in agricoltura. Sarà così possibile  aumentare il numero dei gruppi operativi per l’innovazione che potranno beneficiare del sostegno.

Ambiente

Per agevolare l’adesione ai bandi da parte delle imprese agricole è stato eliminato il tipo di operazione “16.5.02 - Approcci collettivi per la riduzione di gas serra e ammoniaca” focus are P5D, programmato nell’ambito del cosiddetto “pacchetto ammoniaca” che includeva anche i tipi di operazione “4.1.04 - Investimenti per la riduzione di gas serra e ammoniaca” e “10.1.02 - Gestione degli effluenti finalizzate alla riduzione delle emissioni di ammoniaca da parte delle aziende zootecniche”. Nella fase di attuazione si sono evidenziate difficoltà gestionali nel coordinamento operativo e congiunto di tre differenti tipi di operazioni e considerando che la 4.1.01 consente già l’applicazione in forma collettiva degli interventi e che fra le spese ammissibili sono previsti i costi di progettazione anche in nel caso di applicazioni collettive per semplificare l’attuazione del “pacchetto” di interventi spostando le risorse programmate per il tipo di operazione 16.5.02 ulla 4.1.04. Inoltre, per quest’ultima, affinché gli investimenti interessino una superficie più ampia e concentrata riducendo le emissioni, sono stati previsti anche interventi specifici sulla fase aziendale di distribuzione degli effluenti.

Per ampliare la platea di operatori interessati alla redazione dei piani di gestione forestale è stato introdotto   ad hoc il tipo di operazione “16.8.01 Elaborazione dei piani di gestione forestale”, rivedendo quanto inizialmente previsto che rendeva possibile la redazione dei piani solo nell’ambito del tipo di operazione 16.1.01 richiedendo un’obbligatoria connotazione innovativa.

Sempre nell’ottica di essere più incisivi rispetto al contributo sull’impatto del Programma, per il tipo di operazione “4.4.01 - Ripristino di ecosistemi” è stata ampliato il campo di applicazione anche alle aree ricadenti all’interno dei siti della rete Natura 2000, sia da parte dei beneficiari pubblici che di quelli privati.

Nella nuova versione del Programma è stata introdotta, in aggiunta alle tecniche già indicate, la lavorazione delle stoppie o vertical tillage nell’ambito del tipo di operazione “10.1.04 Agricoltura conservativa e incremento sostanza organica. Tale lavorazione, oltre a facilitare la germinazione, evita il rivoltamento e la compattazione del terreno e rende possibile l’utilizzo di seminatrici da sodo più facilmente reperibili sul mercato e presso i fornitori di servizi (contoterzisti). Possono avvalersi della modifica anche i beneficiari in corso di impegno.

10.1.05 - Biodiversità animale di interesse zootecnico: tutela delle razze animali autoctone a rischio di erosione genetica: sono state ampliate le specie oggetto di benefici per migliorare la conservazione delle specie soggette a erosione genetica.

Le modifiche al testo del tipo di operazione 10.1.10 Ritiro seminativi dalla produzione per 20 anni a scopi ambientali e gestione collegamenti ecologici siti Natura 2000” hanno l'obiettivo di adeguare ai nuovi impegni quelli sorti nelle precedenti programmazioni.

Agricoltura biologica: sono stati introdotti degli aggiustamenti procedurali per cui saranno trattati separatamente i tipi di operazione "conversione" e mantenimento".

La versione 7.1 del Psr è stata approvata con Decisione della Commissione Europea C(2018)473 del 19 gennaio 2018, successivamente acquisita con delibera di giunta regionale n. 161 del 05 febbraio 2018.

Azioni sul documento
Pubblicato il 19/02/2018 — ultima modifica 19/02/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it