AgriTurismo e AgriCultura

Mora di vignola

In passato era la varietà più coltivata
  • Cigliegia Mora di VignolaSinonimi accertati: Moretta di Vignola, Ciliegia Mora
  • Zona di diffusione: Provincia di Modena

La Mora di Vignola appare in una pubblicazione nel 1932, come sinonimo di Ciliegia Nera, e da quel momento si afferma come standard per quel periodo tra le ciliegie tenere. Negli anni '50 questa varietà nelle zone cerasicole della provincia di Modena occupa il 20% della produzione soprattutto nel Vignolese.

Va in ombra nel momento in cui l’allargamento delle prospettive di mercato valorizza varietà più consistenti, di pezzatura più grande.

Nel 2006, da una stima a cura del Consorzio della Ciliegia Tipica di Vignola, si parla di solo 14 ettari di Mora di Vignola coltivati, costituiti per la quasi totalità da piante senescenti a fine carriera produttiva.

La pianta, piuttosto vigorosa, può raggiungere altezze di 12-14 metri rendendo la raccolta scomoda e oltremodo onerosa. Entra in produzione molto tardi, in media al decimo anno d’impianto, mentre le varietà attualmente più coltivate già al terzo-quarto anno presentano un certo numero di frutti.

Le ciliegie di questa varietà hanno un ottimo sapore ma presentano polpa tenera, pezzatura scarsa e poca resistenza alla manipolazione.

Per approfondire

Mora di vignola (pdf, 361.49 KB)

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?