Aiuti alle imprese

Aperto il secondo bando per il credito di conduzione a breve e medio termine per le imprese agricole. Stanziati oltre 2.500.000 euro

Regione e Unione Regionale delle Camere di Commercio aprono insieme il bando per contributi all'agricoltura, sotto forma di concorso interessi (scadenza 19 Ottobre '20).

Con la delibera di Giunta del 15 Giugno 2020,  è stato approvato il  secondo programma operativo 2020, che  permette ai produttori agricoli emiliano-romagnoli di ottenere contributi per ridurre il costo del denaro sia nel breve  periodo che nel medio periodo.

Dotazione Finanziaria

  1. Euro 700.000 (di cui euro 50.000 euro stanziati dalla Regione e euro 650.000 stanziati dalle Camere di Commercio attraverso Unione Regionale delle Camere di Commercio)per il concorso negli interessi sui prestiti a breve termine, concessi per un periodo massimo di 12 mesi;;
  2. Euro 1.815.193,80 nella misura massima di 605.064,60 euro per ogni anno (2020, 2021 e 2022), per il concorso negli interessi sui prestiti a medio termine, concessi per un periodo superiore ai 12 mesi fino a 36 mesi

Entità e limiti dell'aiuto regionale: l'abbattimento del tasso di interesse sui prestiti di conduzione è fissato nella misura massima:

  • per il breve termine fino a 2 punti; 
  • per il medio termine fino a 2,5 punti.

L’intervento è realizzato attraverso gli Organismi di garanzia e consiste nella concessione di contributi in conto interessi sui prestiti a breve e medio termine contratti dalle imprese agricole,
esclusivamente, per le necessità legate all'anticipazione delle spese per la conduzione aziendale, fino alla vendita dei prodotti.

  • Il concorso sugli interessi è concesso sotto forma di aiuti:
    per le imprese danneggiate da Covid-19 in base al punto 3. “misure temporanee in materia di aiuti di stato” (3.1 Aiuti sotto forma di sovvenzioni dirette, anticipi rimborsabili o agevolazioni fiscali) della Comunicazione della Commissione “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di stato a sostegno
    dell'economia nell'attuale emergenza della covid-19” adottato il 19 marzo 2020 (C (2020) 1863), e sue modifiche (C (2020)2215) e C(2020) 3156 assunte rispettivamente il 3 aprile 2020 e l'8 maggio 2020 e all’aiuto di stato registrato al n.SA.57021 (2020/N, ex 2020/PN) – Italy - COVID-19 Regime Quadro;
  • per le altre imprese in base al regime “de minimis” in applicazione di quanto stabilito dal Reg. (UE) n. 1408/2013.

La domanda dovrà essere presentata secondo le modalità previste dall’Organismo di Garanzia, entro il 19 ottobre 2020. 

Ciascuna impresa può presentare a ciascun Organismo a cui è associata per i terreni di pertinenza territoriale, a partire dal 15 Giugno 2020, una sola domanda per il breve termine ed una sola domanda per il medio termine, con l'indicazione di un unico Istituto di credito, per ciascuna domanda, pena la non ammissibilità della stessa.

L’ordine di ammissibilità delle domande è determinato attraverso l'applicazione dei seguenti criteri di priorità:

  • imprese attive nella produzione primaria di prodotti agricoli con una superficie minima di 2 ha di impianti frutticoli in produzione (albicocco, susino, ciliegio, pesco, actinidia, pero, melo) presenti nei comuni delimitati con le deliberazioni di Giunta n. 417 del 27/04/2020 e n.595 del 03/06/2020 con le quali sono state delimitate le zone del territorio regionale danneggiate a seguito delle gelate dal 24 marzo 2020 al 3 aprile 2020;
  • imprese agricole condotte da giovani imprenditori, con età inferiore ai 41 anni (che non abbiano
    ancora compiuto i 41 anni alla data di presentazione della domanda);
  • imprese agricole ricadenti nelle zone svantaggiate individuate dalla versione 9.2 del Programma di
    Sviluppo rurale della Regione Emilia-Romagna;
  • altre imprese agricole del territorio regionale;
  • la data di presentazione della domanda (giorno ed ora di acquisizione al protocollo dell’Organismo di garanzia) costituisce, all’interno di ciascuna priorità, il criterio aggiuntivo di ordinamento.


Le Camere di Camere di Commercio partecipano alla quota di euro 650.000 secondo la seguente suddivisione:

  • BOLOGNA euro 100.000;
  • FERRARA euro 30.000;
  • MODENA euro 100.000;
  • PARMA euro 80.000;
  • PIACENZA euro 80.000;
  • RAVENNA euro 100.000;
  • REGGIO  euro 80.000;
  • ROMAGNA euro 80.000;

Secondo programma operativo 2020; (pdf423.17 KB)

Protocollo operativo tra Regione Emilia-Romagna e  Unione Regionale delle Camere di Commercio; (pdf585.47 KB)

Organismi di garanzia che hanno ottenuto contributi nei precedenti programmi.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/06/15 12:15:00 GMT+1 ultima modifica 2020-06-25T10:11:21+01:00 scaduto

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?