Internazionalizzazione del sistema agroalimentare

Export.gov.it

Il nuovo portale pubblico di accesso ai servizi per l’export per le imprese

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, nel quadro delle strategie per l’internazionalizzazione, insieme a Agenzia ICE, SACE e SIMEST, ha realizzato un nuovo portale - export.gov.it - dedicato alle imprese italiane per che si affacciano al mondo dell’export, per accompagnarle verso le opportunità offerte dai mercati internazionali. Lo strumento è, infatti, pensato sia per chi deve intraprendere i primi passi, sia per chi è già presente all’estero ma intende dare una spinta in più alla propria attività.

Il portale consentirà alle imprese di accedere più agevolmente a tutti i servizi di supporto per l’internazionalizzazione e di potersi orientare verso le iniziative e gli strumenti formativi e informativi messi a disposizione da Governo italiano, dall’Agenzia ICE, da SACE e da SIMEST e nel prossimo futuro anche da Regioni e Camere di Commercio.

La navigazione propone un “viaggio in sette passi” per preparati ad esportare, identificare i paesi target, pianificare l’ingresso nel mercato, promuoverti, negoziare, gestire il rischio e continuare a crescere. Un augurio e una speranza per le tante imprese dell’agroalimentare emiliano-romagnolo impegnate su questo fronte e che rappresenta (dati 2019) oltre il 10% dell’export complessivo regionale ed è pari al 16% dell’intero export agro-alimentare italiano, grazie alle sue produzioni di grande qualità e a un sistema di imprese ben organizzato e consolidato

Nonostante le guerre sui dazi e la Brexit, l’export dell’agroalimentare della Regione, come è stato bene illustrato, cresce del 4,7% (contro il 3,7% a livello nazionale) e raggiunge il valore di 6,8 miliardi di euro portando per la prima volta a un saldo positivo di oltre 200 milioni della bilancia commerciale regionale. È un valore che rappresenta oltre il 10% dell’export complessivo regionale ed è pari al 16% dell’intero export agro-alimentare italiano, confermando il ruolo di traino dell’Emilia-Romagna per l’intero sistema nazionale, grazie alle sue produzioni di grande qualità e a un sistema di imprese ben organizzato e consolidato.

Il settore agricolo e agroalimentare non si è certamente fermato durante l’emergenza Covid-19 ma la chiusura per mesi i canali Horeca specialmente, ha creato non pochi contraccolpi al sistema produttivo. Per questo motivo, la Regione ha messo in campo in questi mesi quasi 80milioni di euro e pagato 105milioni di euro di anticipi PAC agli agricoltori.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/09/23 15:04:12 GMT+1 ultima modifica 2020-09-23T15:04:12+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?