Internazionalizzazione del sistema agroalimentare

Progetto GECO2

Interreg Italia-Croazia per lanciare un nuovo mercato volontario delle emissioni di anidride carbonica

Lanciare e sperimentare un nuovo mercato volontario delle emissioni di anidride carbonica, aperto agli agricoltori delle regioni adriatiche di Italia e Croazia. Questo è l'obiettivo principale del progetto GECO2 (Green Economy and CO2), finanziato dal programma UE Interreg. Il capofila del progetto è ARPAE, Agenzia Regionale per la Prevenzione, l'Ambiente e l'Energia dell´Emilia-Romagna. Gli altri partner sono CIHEAM Bari, Regione Molise, Regione Marche, Rera sd per il coordinamento e lo sviluppo della Provincia di Spalato Dalmazia, Agrra-Zara, la Regione di Dubrovnik Neretva e Legacoop Romagna.

GECO2 nasce per affrontare le sfide del riscaldamento globale e l'idea alla base è quella di promuovere un mercato volontario di emissioni equivalenti di anidride carbonica dedicato al settore agricolo. Gli agricoltori saranno aiutati quindi a misurare e vendere i loro crediti ai potenziali acquirenti e nel frattempo avranno accesso a metodi di coltivazione innovativi e sostenibili. Gli acquirenti, da parte loro, otterranno una nuova leva di marketing verde per distinguersi, mentre le comunità e le autorità pubbliche beneficeranno di migliori condizioni ambientali e di prodotti più ecologici.

Il progetto sta avviando un sistema interregionale per potenziare il monitoraggio del cambiamento climatico, sperimentare pratiche di agricoltura eco-compatibile e lanciare un nuovo mercato volontario di carbonio. Le azioni di progetto, realizzate attraverso la cooperazione transfrontaliera, si articolano su due pilastri: lo sviluppo delle conoscenze mediante la formazione e la creazione del mercato volontario.

La prima azione si basa sulla raccolta di materiali e di esperienze esistenti affini agli obiettivi di GECO2, sulla trasmissione di queste conoscenze mediante corsi di formazione ai potenziali attori del mercato volontario e infine sul documento finale relativo alle linee guida che contengono la definizione dei protocolli di coltivazione e le metodologie di calcolo, valutazione e validazione della CO2, fondamentale per regolare il mercato.

I risultati derivanti da questa fase di lavoro vengono impiegati per la creazione del mercato, che passa attraverso l’identificazione degli attori (aziende agricole e della filiera agro-alimentare) e quindi la sperimentazione vera e propria che durerà un anno.

Per approfondire

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/10/06 07:50:52 GMT+1 ultima modifica 2020-10-06T07:50:52+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?