Organizzazioni comuni di mercato

Arricchimento

Disposizioni procedurali per l’autorizzazione all'aumento del titolo alcolometrico volumico naturale (arricchimento) dei prodotti della vendemmia

L’Autorizzazione all’aumento del titolo alcolometrico volumico naturale (arricchimento) dei prodotti della vendemmia si rende necessario in annate dove sussistono condizioni climatiche o fitopatologiche avverse alla regolare maturazione delle uve da vino che giustificano quindi il ricorso a tale pratica. Il procedimento decorre, in una prima fase, dalle segnalazioni presentate entro il 31 luglio di ogni anno, al fine di autorizzare le vinificazioni ed elaborazioni da effettuarsi entro agosto ed una seconda fase per segnalazioni presentate entro il 31 agosto di ogni anno, al fine di autorizzare le vinificazioni ed elaborazioni da effettuarsi nel periodo successivo.

La segnalazione della necessità di ricorrere alla pratica dell’arricchimento è presentata al Servizio Organizzazioni di mercato e sinergie di filiera della Regione Emilia-Romagna da parte di:

  • Consorzi di tutela riconosciuti e, in loro assenza, dalle Organizzazioni professionali agricole regionali o dalle Organizzazioni di produttori interessate o dalle Centrali cooperative agricole per i vini DOP e IGP;
  • dalle Organizzazioni professionali agricole regionali, dalle Organizzazioni di produttori interessate, dalle Centrali cooperative agricole per i vini, vini con indicazione della varietà e dell'annata, vini spumanti, vini spumanti di qualità, vini spumanti di qualità del tipo aromatico.

Il Servizio Organizzazioni di mercato e sinergie di filiera effettua l’istruttoria delle segnalazioni e accerta sulla base della relazione tecnica la sussistenza di eventi climatici e fitopatologici avversi alla regolare maturazione delle uve da vino, anche attraverso verifiche e consultazioni del Servizio Fitosanitario e ARPAE e, se necessario, dei Servizi Territoriali agricoltura, caccia e pesca.

In esito alle verifiche compiute, il Responsabile del Servizio, entro 30 giorni, con proprio provvedimento, autorizza il ricorso all’arricchimento e l’eventuale deroga prevista al paragrafo 7, lettera b), punto B. dell'allegato VIII del Regolamento n. 1308/2013.

Il provvedimento è trasmesso ai soggetti della filiera regionale che hanno presentato le segnalazioni, al MIPAAF, all’Ufficio periferico del Dipartimento dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agro-alimentari competente per territorio e all’ICQRF.

Arricchimento 2020 (pdf158.44 KB)

Arricchimento 2021 (pdf143.78 KB)

Arricchimento 2022 (pdf163.62 KB)

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/08/18 11:39:00 GMT+2 ultima modifica 2022-08-10T14:54:20+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?