Produzioni agroalimentari

Documenti riproduzione animale

Elenco stalloni

Contiene gli elenchi degli stalloni operanti alla riproduzione

Certificazione degli interventi fecondativi (C.I.F. - C.I.E.)

La certificazione degli interventi fecondativi (C.I.F.) e degli impianti embrionali (C.I.E.) è effettuata secondo quanto previsto dagli artt.33 e 34 del decreto ministeriale n. 403del 2000, utilizzando la modulistica conforme agli allegati 1 e 2 del decreto del ministro delle Politiche Agricole e Forestali, 12 febbraio 2001

Centro di produzione embrioni

E’ costituito da strutture di laboratorio e da personale qualificato che provvedono al prelievo di oociti di animali di interesse zootecnico, alla loro fecondazione in vitro, alla coltura degli embrioni ottenuti, agli eventuali trattamenti, nonché al congelamento, conservazione e alla distribuzione degli embrioni prodotti tramite i recapiti. Questa struttura si deve avvalere di un veterinario responsabile della gestione sanitaria del centro.

Centro di produzione di materiale seminale fresco, refrigerato e congelato

E la struttura che provvede alla raccolta, preparazione, controllo, confezione, conservazione e distribuzione ai recapiti del materiale seminale. Per il solo materiale seminale fresco e refrigerato, considerate le caratteristiche di conservazione, è ammessa la distribuzione diretta alle aziende agricole, ai medici veterinari ed agli operatori pratici di inseminazione artificiale, iscritti agli elenchi tenuti dalle province. Nei centri di produzione di materiale seminale equino è possibile provvedere, previa espressa autorizzazione , anche all'inseminazione delle fattrici con materiale seminale fresco ivi prodotto. Nel centro di produzione di materiale seminale ci si deve avvalere di un veterinario responsabile della gestione sanitaria.

Autorizzazione alla raccolta del seme di riproduttori di razze autoctone e tipi

I Centri di produzione di materiale seminale, ai sensi dell'art. 20 del D.M. n. 403/2000, possono effettuare prelievi di materiale seminale da riproduttori di razze autoctone e tipi etnici a limitata diffusione iscritti al Registro Anagrafico o al Libro Genealogico direttamente nelle aziende che li ospitano, previa autorizzazione della Regione

Approvazione riproduttori equini di interesse locale

In applicazione a quanto stabilito dall'articolo 7, comma 3, del decreto legislativo 11 maggio 2018, n. 52, gli stalloni non iscritti ai libri genealogici ufficialmente istituiti in Italia devono, prima del loro impiego essere approvati dalla Regione.

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/12/24 14:00:00 GMT+2 ultima modifica 2022-04-08T15:12:38+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?