mercoledì 23.08.2017
caricamento meteo
Sections

Febbraio 2017 Anno 45, n. 2

Mensile della Regione Emilia-Romagna.

Editoriale

La lezione di Fruit Logistica: aggregazione e innovazione per competere

Febbraio 2017 150x100 Le condizioni per crescere sui mercati ci sono, ma per farlo occorre rafforzare l’impegno sul fronte dell’aggregazione produttiva, della concentrazione dell’offerta, della distintività e dell’innovazione. È questa la lezione che, ancora una volta, è venuta da Fruit Logistica Berlino, il più grande appuntamento dell’ortofrutta mondiale, un’occasione preziosa per gli operatori del settore, ma anche per le istituzioni, di confrontarsi e ragionare su problemi e prospettive di uno dei comparti fondamentali dell’agricoltura e dell’agroalimentare europeo.

La presenza italiana è stata quest’anno particolarmente significativa con più di 500 espositori su 3mila. Numeri che testimoniano la centralità di un comparto che dà lavoro, esporta, contribuisce allo sviluppo di qualità del territorio. Non meno qualificata è stata la presenza emiliano-romagnola con il sistema delle Op/Aop, le grandi realtà commerciali, il mondo dei servizi.

Vorrei qui ricordare lo spazio Italy, coordinato dal Cso di Ferrara, Fruitimprese e Italia Ortofrutta: uno stand collettivo che ha accolto oltre 50 imprese, in rappresentanza di tutta la filiera. Ma a Berlino erano presenti anche Origine e Opera, i due raggruppamenti nati per valorizzare in particolare un prodotto di eccellenza dell’agricoltura emiliano-romagnola qual è la pera.

Sono esempi concreti di come il sistema può e deve continuare a fare gioco di squadra. Molto stiamo facendo in questa direzione, ma molto resta da fare. La strada comunque è segnata, in un mercato sempre più globale, ma anche attraversato da spinte protezionistiche e dalla concorrenza di vecchi e nuovi competitor. Vanno in questa direzione la necessità di rafforzare il sistema strategico delle Op/Aop attraverso un migliore utilizzo dei programmi operativi previsti dall’Ocm ortofrutta, l’impiego al meglio delle potenzialità di strumenti di governo dell’offerta quali l’interprofessione e le filiali di prodotto e un rafforzamento degli investimenti in innovazione.

Tutte questioni che devono essere poste al centro della riflessione in corso, a livello nazionale ed europeo, sulla nuova Pac e sull’Ocm ortofrutta. Né possiamo tacere le grandi questioni della logistica, un settore di cui a Berlino si è toccata con mano, se mai ce ne fosse stato bisogno, l’importanza, così come quella del rilancio e della promozione dei consumi.

Temi fondamentali, che hanno a che fare direttamente con la capacità di competere del comparto ortofrutticolo, rispetto ai quali lo sforzo deve essere corale: del mondo produttivo, ma anche delle istituzioni, a partire da quelle europee e della diplomazia. Il mio impegno in questa direzione è duplice: come presidente di Areflh, l’associazione che riunisce le principali regioni ortofrutticole europee, e come assessore di una grande regione dell’ortofrutta qual è l’Emilia-Romagna, leader del settore con oltre 25mila aziende agricole, una superficie di 135mila ettari, una produzione di 39 milioni di quintali e un valore economico che sfiora i 2 miliardi.

Simona Caselli, assessore regionale all’agricoltura, caccia e pesca, Regione Emilia-Romagna

Fatti

Sviluppo rurale - Psr: 136 milioni per crescere, "dalla terra alla tavola". Paola Fedriga

Indicazioni geografiche - Dop e igp spingono l'export, Emilia-Romagna in testa. A cura della redazione

Nuove strategie - Agroalimentare: l'innovazione nel piatto. Silvano Bertini

Colture sementiere - Un patto di filiera in difesa delle api. Giancarlo Martelli

Qui Regione

Arrivano 12,5 milioni per le aree rurali. A cura della redazione

Post sisma: novità per le aziende agricole. A cura della redazione

Qui Europa

Online la consultazione pubblica sulla Pac. A cura della redazione

Economia

Rassegne internazionali - Bologna capitale mondiale della meccanica agricola. A cura della redazione

Consuntivo 2016 - Parmigiano: la ripresa è trainata dalle esportazioni. A cura della redazione

Canali commerciali - Il biologico conquista la grande distribuzione. Rosa Maria Bertino

Fisco e previdenza

Ultimi giorni per rottamare le cartelle esattoriali. A cura di Corrado Fusai

Speciale avicoltura

In azienda

Giovani agricoltori - Monte di Bebbio, yogurt a km zero. Olga Cavina

Ricerca e sperimentazione

Confronti varietali/1 - Pomodoro da industria, le cultivar più performanti. Sandro Cornali

Confronti varietali/2 - Sotto esame lattuga e fagiolino fresco. Silvia Paolini

Agricoltura sostenibile - Parte dall'uso dei suoli la difesa del clima. Maria Teresa Pacchioli

Innovazione in stalla - Una lettiera alternativa per le vacche da latte. Paolo Ferrari, Andrea Summer, Massimo Malacarne, Piero Franceschi

Avversità

Frutticoltura biologica - Melo: le migliori qualità resistenti alla ticchiolatura. Claudio Buscaroli

Meccanizzazione

Zootecnia - Meno lavoro in stalla se in "cucina" c'è il robot. Ottavio Repetti

Rubriche

Novità dalla ricerca. A cura di Maria Teresa Salomoni e Camilla Chieco

In breve. A cura della redazione

Agenda verde. A cura della redazione

Nel giardino. Maria Teresa Salomoni, Massimo Drago

Agrometeo. A cura di William Pratizzoli

Dalla parte dei consumatori. A cura di Enrico Cinotti

Azioni sul documento
Pubblicato il 08/03/2017 — ultima modifica 13/03/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it