Gestione della fauna e caccia

Vigilanza venatoria

La vigilanza venatoria consiste nell’attività di controllo del territorio in materia venatoria finalizzata alla protezione della fauna selvatica, alla repressione della caccia di frodo e alla salvaguardia dell’ambiente. Viene svolta da personale d’istituto e da personale volontario.

Cosa fa la Regione

La Regione ha disciplinato i servizi di vigilanza venatoria tramite l’applicazione di una direttiva, adottata nel 2008, che ha individuato modalità omogenee per l’impiego delle guardie volontarie.

Sulla base delle indicazioni fornite da tale direttiva le Province hanno adottato dei “Regolamenti per la disciplina del coordinamento delle guardie volontarie che svolgono attività di vigilanza venatoria”, la cui osservanza viene prescritta anche alle Guardie Ecologiche Volontarie (GEV), laddove svolgano attività di vigilanza venatoria in collaborazione con le Province.

Tutte le Associazioni che intendono svolgere vigilanza venatoria sono tenute a stipulare apposite convenzioni con le Province e ad operare nell’ambito del coordinamento provinciale.

Per approfondire

Norme e atti

Pubblicazioni

Azioni sul documento
Pubblicato il 20/02/2013 — ultima modifica 08/10/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it