Produzioni agroalimentari

Tecnica irrigua

Strumenti utili per la razionalizzazione dell'irrigazione

Cosa fa la Regione

Si impegna in attività di monitoraggio, di ricerca e di assistenza tecnica agli agricoltori, oltre a definire gli aspetti normativi per valorizzare e salvaguardare le risorse idriche.

 

L’irrigazione nei Disciplinari di Produzione Integrata dell’Emilia-Romagna
Le aziende che aderiscono alle azioni produzione integrata o biologica del Piano di Sviluppo Rurale sono tenute ad attuare l’irrigazione mediante impiego del metodo del bilancio idrico semplificato per la definizione delle epoche e dei volumi massimi distribuibili. L’adozione di tale tecnica è consigliata alle aziende che partecipano ai programmi di assistenza tecnica previsti dall’OCM ortofrutta e dalle leggi regionali 28/98 e 28/99.
Il metodo si basa sulla valutazione delle condizioni meteoclimatiche e pedologiche aziendali e sui Bollettini dei Comitati provinciali di coordinamento dei Servizi di Sviluppo agricolo.
I requisiti di base che ogni azienda è tenuta ad osservare e documentare prevedono: la disponibilità del dato di pioggia, l’obbligo ad irrigare in epoche precise in funzione del tipo di coltura e delle relative esigenze idriche, l’impegno a non distribuire, per ogni intervento irriguo, volumi che eccedano quelli previsti per ciascuna coltura.


Per offrire un supporto al miglioramento della pratica irrigua sono state messe a punto due applicazioni, gestite dal Consorzio di 2°grado per il Canale Emiliano-Romagnolo (CER):

Irrinet - emette un consiglio irriguo personalizzato sulla base di alcune informazioni fornite dall’utente (localizzazione dell’azienda sulla cartografia regionale, coltura d’interesse, tipologia dell’impianto irriguo e condizioni del terreno)

Tecnirri - guida nella progettazione dell’impianto aziendale e nella scelta del materiale irriguo.

Azioni sul documento

pubblicato il 2013/08/20 12:30:00 GMT+2 ultima modifica 2019-10-14T23:27:18+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?