Dop, Igp e produzioni di qualità

Parmigiano Reggiano Dop: artigianalità, sostenibilità e tradizione

Un grande formaggio fatto oggi come otto secoli fa, negli stessi luoghi e con i medesimi gesti

Devi accettare i cookie di youtube per vedere questo contenuto.

Per favore abilitali oppure gestisci le tue preferenze

È prima di tutto una caratteristica microbiologica a legare il Parmigiano Reggiano Dop alla propria zona di origine. Per la sua produzione, infatti, si utilizza latte crudo prodotto esclusivamente nelle province di Parma, Reggio Emilia e Modena, nei territori dei comuni della provincia di Bologna a sinistra del fiume Reno e in quelli della provincia di Mantova a destra del fiume Po.  

Questo latte è particolare, caratterizzato da una singolare e intensa attività batterica della flora microbica autoctona, influenzata da fattori ambientali, soprattutto dai foraggi, erbe e fieni del territorio che costituiscono il principale alimento delle bovine.  

Per questo motivo il Parmigiano Reggiano si può produrre da quasi mille anni solo in questo territorio dove oggi si concentrano circa 300 caseifici aderenti al Consorzio di tutela e circa 3.000 allevamenti nei quali l’alimentazione degli animali è curata nel rispetto di un rigido regolamento che impedisce l’uso di foraggi insilati e alimenti fermentati e prescrive l'impiego di foraggi che, per una quota di almeno il 75% della sostanza secca, siano prodotti all’interno del territorio di produzione del formaggio Parmigiano Reggiano.  

Clicca qui per saperne di più

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/06/21 10:02:05 GMT+2 ultima modifica 2022-06-21T10:02:06+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?