mercoledì 20.02.2019
caricamento meteo
Sections

Programma di sviluppo rurale 2014-2020

Lo sviluppo locale Leader 2014-2020

Cosa sono lo sviluppo locale Leader, i Gruppi di azione locale (Gal), la Strategia di sviluppo locale di tipo partecipativo.

Lo sviluppo locale Leader 2014-2020

Lo sviluppo locale di tipo partecipativo - denominato sviluppo locale Leader - è lo strumento previsto dalle norme comunitarie per promuovere la crescita economico-sociale di territori sub-regionali specifici in modo integrato e multisettoriale. Lo sviluppo locale Leader viene gestito da Gruppi di azione locale (Gal) mediante una strategia di sviluppo locale di tipo partecipativo (Ssl) elaborata sulla base dei bisogni e delle potenzialità locali con il coinvolgimento delle comunità interessate.

I Gruppi di azione locale (Gal)

I Gruppi di azione locale sono partenariati misti composti da rappresentanti degli interessi socio-economici locali sia pubblici che privati, nei quali a livello decisionale né le autorità pubbliche né alcun singolo gruppo di interesse rappresentano più del 49% degli aventi diritto al voto. Compito dei Gruppi di azione locale è elaborare e attuare la Strategia di sviluppo locale di tipo partecipativo, stimolare le capacità progettuali locali e selezionarne gli interventi proposti.

Di fondamentale importanza è iniziare quanto prima ad affrontare le diverse fasi previste dal processo di sviluppo della strategia. Non va infatti dimenticato che per un'attenta elaborazione di una strategia di sviluppo locale di tipo partecipativo è necessario condurre una capillare azione sul territorio in termini di animazione e coinvolgimento della popolazione, per giungere a definire il partenariato e gli obiettivi specifici Leader prioritari per la collettività, gli stakeholders e gli enti locali.

La Strategia di sviluppo locale di tipo partecipativo

Ecco gli elementi fondamentali che compongono la Strategia di sviluppo locale di tipo partecipativo:

  • a) la definizione del territorio e della popolazione interessati dalla strategia;
  • b) un'analisi delle esigenze di sviluppo e delle potenzialità del territorio, compresa un'analisi dei punti di forza, di debolezza, delle opportunità e delle minacce;
  • c) una descrizione della strategia e dei suoi obiettivi, un'illustrazione delle caratteristiche integrate e innovative della strategia e una gerarchia di obiettivi, con indicazione di target misurabili per le realizzazioni e i risultati. In relazione ai risultati, i target possono essere espressi in termini qualitativi o quantitativi. La strategia è coerente con i programmi pertinenti di tutti i fondi SIE interessati;
  • d) una descrizione del processo di associazione della comunità locale all'elaborazione della strategia;
  • e) un piano d'azione che traduca gli obiettivi in azioni concrete;
  • f) una descrizione delle modalità di gestione e sorveglianza della strategia, che dimostri la capacità del gruppo di azione locale di attuarla, e una descrizione delle modalità specifiche di valutazione;
  • g) il piano di finanziamento per la strategia, compresa la dotazione prevista da ciascun fondo SIE interessato.
Azioni sul documento
Pubblicato il 15/07/2015 — ultima modifica 15/07/2015
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it