Dop, Igp e produzioni di qualità

Crescioni, guscioni, cassoni carsôn, gussun, cunsôn

Forlì-Cesena

Territorio di produzione

Provincia di Forlì-Cesena.

Descrizione sintetica del prodotto

I crescioni sono grandi tortelli ripieni di erbe di campagna preparati con lo stesso impasto della piadina e cotti anch’essi sulla teglia.

Un po’ di storia

In Romagna vengono chiamati cassoni e si cuociono fritti con lo strutto ma, più spesso, sul testo o su una lastra di sasso. Quelli cotti sul testo vengono riempiti con un battuto di erbe di campagna crude condite di pepe sale e pancetta tritata. In qualche località vengono denominati anche carson (crescioni)

 Come si fa

Si lessano le erbe, si strizzano ben bene, si passano al tegame con lardo battuto, aglio, sale e pepe abbondante.

Intanto si ricavano dall’impasto dei dischi più piccoli delle normali piadine. Sulla metà di ogni disco si stendono le erbe già insaporite, si ripiega sopra l’altra metà, si schiacciano bene i bordi premendo coi rebbi di una forchetta, senza punzecchiar la superficie per non disperdere gli umori. Si cuociono sulla teglia, ma si possono anche friggere in padella con abbondante strutto bollente.

Referenze bibliografiche

Quondamatteo, Grande dizionario (e ricettario) gastronomico romagnolo, Imola, Grafiche Galeati, 1978;

Tonelli, A tavola con il contadino romagnolo, 1986;

Babbi Cappelletti, Civiltà della tavola contadina in Romagna, Milano, Idealibri, 1993;

Graziano Pozzetto, La cucina romagnola, Franco Muzzio Editore, 1995;

Quondamatteo, L. Pasquini, M. Caminiti, Mangiari di Romagna, Bologna, Guidicini e Rosa Editori, 1979.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/19 08:48:21 GMT+1 ultima modifica 2020-03-19T08:48:21+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?