Dop, Igp e produzioni di qualità

Fritloc, frittelle di castagne

Reggio Emilia

Territorio di produzione

Provincia di Reggio Emilia, in particolare l’areale appenninico.

Descrizione sintetica del prodotto

Farina di castagne, acqua e un pizzico di sale, strutto/olio per friggere.

Un po’ di storia

La storia dei castagneti sull’Appenino Reggiano risale al tempo di Matilde di Canossa, che la stabilì, siamo nel 1126,  per porre rimedio all’estrema indigenza degli abitanti dei colli, soggetti a frequenti carestie e penurie di cibo. Da quel momento la castagna, divenne un ingrediente onnipresente della cucina povera, soprattutto tra la gente di montagna. La facilità di conservazione e l’elevata versatilità di questo prodotto, permisero il suo riutilizzo in una grande varietà di ricette: nel territorio reggiano troviamo, infatti, le fritloc, frittelle a base di marroni e zucchero, versione tipicamente autunnale delle classiche frittelle di carnevale.

Come si fa

Si prepara una pastella abbastanza morbida amalgamando farina di castagne, latte, acqua ed una presa di sale. Si prelevano cucchiaiate di tale pastella e si gettano a friggere nello strutto bollente. Oggi lo strutto può essere sostituito con olio. E’ questa una tipica preparazione della montagna reggiana ancor oggi assai gradita.

 Referenze bibliografiche

Iori Galluzzi M.A.–Iori N., Breve manuale del mangiar reggiano, Reggio Emilia, N. Iori, 1985.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/19 12:06:04 GMT+1 ultima modifica 2020-03-19T12:06:05+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?