Dop, Igp e produzioni di qualità

Gnocco fritto, gnocc frett o gnocc, al gnoc frètt, ‘l gnoc

Reggio Emilia, Modena

Territorio di produzioneFoto Provincia di MO

Comune a diverse Provincie, tra cui Reggio Emilia, Modena.

Descrizione sintetica del prodotto

Impasto di farina, acqua e sale, tagliato a rombi e fritto nello strutto.

Come si fa

Fare un impasto con farina, un grosso pizzico di sale unendo tanta acqua tiepida quanto basta per ottenere un composto piuttosto sodo. Con il mattarello tirare una sfoglia dello spessore di circa tre millimetri e poi tagliarla facendo dei quadrati o dei rombi. Friggere in abbondante strutto (o olio) bollente.

Un po’ di storia

Anche questo è un umile piatto della cucina reggina: un impasto di farina, acqua, sale e , al tempo delle nostre nonne, con un po’ di strutto, sostituito oggi da burro o olio. Nelle case contadine veniva fatto con la pasta del pane lievitata, e si friggeva con lo strutto. “Al gnoc frett”, per chi viveva in campagna, era la colazione più gradita. A metà mattina “la zdòura” si recava nei campi con “cavagnìn”di gnocco fritto vinello da portare al marito e, mentre lui mangiava, si sedeva al fianco del suo sposo. Il tempo di restare insieme era poco, ma tanta era la soddisfazione della “zdòura” ritornando a casa con il cesto vuoto e le confidenze del marito.

Curiosità

Servire caldo. Suoi compagni ideali sono i salumi.

 

Referenze bibliografiche

-Camparini l. (Ciripiglia Numa), Cucina tradizionale reggiana, Reggio Emilia, Nironi e Prandi, 1944;

-Maioli G. "I racconti della tavola a Reggio Emilia", Bologna, GES 1980 pag. 22;

-Iori Galluzzi M.A.–Iori N., Breve manuale del mangiar reggiano, Reggio Emilia, N. Iori, 1985. pag. 32;

-Ferrrari M., Ricette e racconti della mia Reggio, Cadelbosco di Sopra, Conad Emilia ovest, 1993, pag. 29.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/19 12:06:00 GMT+1 ultima modifica 2020-11-20T10:40:36+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?