Dop, Igp e produzioni di qualità

Latte brulè, latt brulè

Ricetta in uso nelle provincie di Piacenza e Forlì-Cesena. Si riporta la versione romagnola.

Territorio di produzione

Provincia di Forl’-Cesena.

Descrizione sintetica del prodotto

Latte, uova e zucchero.

Un po’ di storia

Anticamente questo dolce veniva cotto nel camino a bagnomaria, cioè

all’interno di un altro recipiente pieno d’acqua, e con la brace sul coperchio

affinché il calore fosse ben distribuito. Il latte brulè era un dolce delle grandi

occasioni: Comunioni, Cresime, Matrimoni, Battesimi, ecc. ed era di solito preparato solo dalle famiglie più benestanti.

Come si fa

Sbattere le uova con 100 grammi di zucchero e scaldare il latte con altri 100 grammi di zucchero. Fare caramellare nel frattempo il resto dello zucchero finché diventa scuro e leggermente amaro e versarlo nello stampo. Unire le uova al latte e versare il tutto nello stampo. Porlo nel forno per circa un’ora a 120 °C finché si solidifica.

Referenze bibliografiche

Pellegrino Artusi, La Scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene, introduzione e note di Piero Camporesi, Torino, Einaudi, 1995 Prima edizione «Nuova Universale Einaudi 1970;

 Dai racconti di R. Giorgetti e di sua mamma M. Manuzzi, "E’ magnè. I mangiari negli usi dei contadini romagnoli", a cura di D. Bascucci [et al.], Rimini, Panozzo Editore, 2002;

Giovanni Manzoni, Così si mangiava in Romagna, Walberti Edizioni 1977.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/19 12:06:10 GMT+1 ultima modifica 2020-03-19T12:06:10+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?