Dop, Igp e produzioni di qualità

Migliaccio di Romagna, sanguinaccio, berleng, e miazz

Prodotto comune alle provincie di Bologna, FC, Rimini.

Territorio di produzioneFoto Provincia FC

Comune di Imola e territori della Romagna in genere.

Descrizione sintetica del prodotto

Sangue di maiale disfatto, latte, saba oppure miele, pangrattato, burro, spezie, cioccolata, canditi misti, fichi secchi, mandorle (a piacere noci, uvetta e pinoli).

Un po’ di storia

Quella indicata è la versione ricca che si mangiava nelle case padronali. La versione povera, generalmente dei contadini, contemplava l’impasto del sangue di maiale o con riso cotto o, alla peggio, con farina, facendone frittelle arricchite con miele, sapa, o altre sostanze dolci.

Come si fa

Preparare una pasta frolla e metterla in uno stampo da crostata, quindi mescolare insieme tutti gli ingredienti e mettere a cuocere in forno. Quando è cotta tagliarla a rombi e spolverizzare di zucchero.

Referenze bibliografiche

Pellegrino Artusi “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”;

Quondamatteo, Pasquini e Caminiti “Mangiari di Romagna”, 1960 Edito da Guidicini e Rosa di Bologna, 1960.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/19 12:06:00 GMT+1 ultima modifica 2020-11-20T10:48:05+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?