Dop, Igp e produzioni di qualità

Mistocchine, al mistuchìni, al mistuchên

Tutto il territorio regionale, in particolare le provincie di Bologna, Ravenna, Modena, Forlì-Cesena

Territorio di produzioneFoto D.Fornaciari

Tutto il territorio regionale.

Descrizione sintetica del prodotto

Dolce a base di farina di castagne, acqua e sale.

Un po’ di storia

La parola mistocchina sembra derivare dal verbo latino miscere, che significa mescolare e fa riferimento al gesto di mischiare insieme acqua e farina, girando con il cucchiaio fino ad ottenere un impasto lavorabile. Questo dolce era preparato generalmente dalle mistocchinaie che lo vendevano agli angoli delle strade o sotto i portici delle città.  

Come si fa

Impastare farina di castagne con acqua calda e un pizzico di sale. Stendete l’impasto dello spessore di 1 cm circa e ritagliatelo in losanghe dalla caratteristica forma leggermente ovalizzata. Le mistocchine andrebbero cotte su una piastra posta sulla brace (testo). Si può sostituire questo tipo di cottura in forno ben caldo.

 Curiosità

Questo dolce povero è citato anche da Carlo Goldoni ne "L’impresario delle Smirne": 
«Che vuol dir Mistocchina? Come quella giovane è bolognese, e che a Bologna chiamano mistocchine certe schiacciate fatte di farina di castagne, le hanno dato un soprannome, che conviene alla sua patria ed alla sua abilità.»

 Referenze bibliografiche

Quondamatteo, Grande dizionario (e ricettario) gastronomico romagnolo, Imola, Grafiche Galeati, 1978;

Giovanna Savoldi, Le ricette della mia cucina emiliana e romagnola, Firenze 1980.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/19 12:06:00 GMT+1 ultima modifica 2020-11-20T10:51:15+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?