Dop, Igp e produzioni di qualità

Orecchioni, j urciôn

Forlì-Cesena e Ravenna

Territorio di produzione

Provincie di Forlì-Cesena e Ravenna.

Descrizione sintetica del prodotto

Sfoglia di farina e uova, per il ripieno ricotta, parmigiano, prezzemolo.

 Un po’ di storia

Come si fa

Sfoglia di uova con un po’ d’acqua perchè più digeribile. Formaggio fresco, se non proprio squaquerone, impastato con punte di ortica raccolte al tempo della fioritura per evitare che pizzichino. Si taglia la sfoglia a quadretti di 5-6 cm. di lato. Si pone su una metà del quadretto l’impasto e ci si ripiega sopra l’altra metà. Si chiudono i bordi con la pressione della forchetta. A cottura avvenuta in abbondante acqua salata, gli urciôn si scolano e si condiscono con un semplice ragù di pancetta magra e pomodoro fresco cotto a fuoco lento. Sul piatto, una generosa porzione di formaggio pecorino ben stagionato.

Aneddoti e proverbi

Il condimento nei “giorni di magra” prevedeva solo burro e parmigiano, o burro e pomodoro.

Referenze bibliografiche

Quondamatteo, L. Pasquini, M. Caminiti, Mangiari di Romagna, Bologna, Guidicini e Rosa Editori, 1979;

Touring Club Italiano, Guida Gastronomica D’Italia, Milano 1931;

Mario Tabanelli, Romagna in Cucina, luglio 1988 – Magalini Editrice;

Dizionario della cucina romagnola. Ricette, vini, personaggi …, a cura di E. Morini e S. Vicarelli, Bologna, Il Resto del Carlino, Poligrafici Editoriale, 1993;

Contoli, "Guida alla veritiera cucina romagnola", Officine Grafiche Calderini, 1972;

Pittano, N. Zerbinati, Ieri in Emilia-Romagna, dialetti, tradizioni, curiosità, Annibali Edizioni, Bologna, 1984.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/19 12:06:15 GMT+1 ultima modifica 2020-03-19T12:06:15+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?