Dop, Igp e produzioni di qualità

Pancotto, pancöt, pacöt

Forlì-Cesena

Territorio di produzione

Provincie della Romagna, in particolare Forlì-Cesena.

Descrizione sintetica del prodotto

Pane raffermo, acqua, olio, sale.

Un po’ di storia

Quanti bambini una volta sarebbero morti di fame se le nostre nonne non avessero inventato il pancotto! Un tempo, il “pancot” (pancotto), fatto con il pane uscito dal forno ormai parecchi giorni prima, era una sorta di simbolo della miseria più nera. Nell’immaginario collettivo rappresentava la povertà sotto tutti i punti di vista: quella del portafoglio, e di conseguenza delle dispense rurali, e quella dello spirito.

Come si fa

Non c’è una ricetta specifica per farlo. Si ammolla il pane raffermo nell’acqua, lo si mette in un tegame con una presa di sale e dopo una leggera cottura si aggiunge olio.

Curiosità

Un piatto talmente noto e diffuso, che il dialetto romagnolo in suo onore ha sfornato più di un detto:“supier int e’ pancot” (soffiare nel pancotto), ovvero “fare la spia”; “aver una testa pijna d’pàn cot” (avere una testa piena di pancotto), cioè “non avere giudizio”. Ancora: “va a magnè de pancot” (va a mangiare del pancotto), come dire “va a quel paese”.

Referenze bibliografiche

Quondamatteo, L. Pasquini, M. Caminiti “Mangiari di Romagna”, Grafiche Galeati –

Imola 1975;

Quondamatteo, Grande dizionario (e ricettario) gastronomico romagnolo, Imola,

Grafiche Galeati, 1978;

Giovanni Manzoni, Così si mangiava in Romagna, 1977 Walberti Edizioni;

Liliana Babbi Cappelletti, Civiltà della tavola contadina in Romagna, 1993 Idealibri s.r.l.

Milano;

Vittorio Tonelli, A Tavola con il contadino romagnolo, 1986 Grafiche Galeati.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/02/18 15:51:47 GMT+1 ultima modifica 2020-02-18T15:51:47+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?