Dop, Igp e produzioni di qualità

Piada coi ciccioli, piadone coi ciccioli, spianata con i ciccioli, pizza con i ciccioli, piê con i grasul, piadôn cun i grasul, scacina coi cicle

Forlì-Cesena

Territorio di produzione

Provincie della Romagna.

Descrizione sintetica del prodotto

Farina, ciccioli freschi, uova, strutto.

Un po’ di storia

Ricercata in Romagna, dove in molti la considerano un boccone prelibato, la piada con i ciccioli o piadone, nota come la «piè cun i grassùl».

Come si fa

Si lavora la pasta di pane con strutto fresco, si uniscono all’impasto i ciccioli sbriciolati (o lardelli di pancetta già rosolati in padella). Si tira l’impasto alto 1 centimetro, si stende nella teglia unta di strutto, sulla superficie si formano con le nocche delle dita tante piccole cavità, si condisce con fiocchetti di strutto e grani di sale grosso. Si cuoce per una ventina di minuti in forno caldo a 180-190°C e si mangia sia calda sia fredda.

Curiosità

"Chi vuol consumà la farina,

Ch’u facci i tortej e la scacina!"

Referenze bibliografiche

Quondamatteo, Grande dizionario (e ricettario) gastronomico romagnolo, Imola, Grafiche Galeati, 1978;

Primo Placci, Mangiari d’altri tempi nella Romagna popolare, 1978 Walberti Edizioni Lugo;

Giovanni Manzoni, Così si mangiava in Romagna, 1977 Walberti Edizioni;

Liliana Babbi Cappelletti, Civiltà della tavola contadina in Romagna, 1993 Idealibri s.r.l. Milano;

Vittorio Tonelli, A Tavola con il contadino romagnolo, 1986 Grafiche Galeati;

Corrado Contoli, Guida alla veritiera cucina romagnola, 1963 - Calderini Edizioni;

Libero Ercolani, Vocabolario romagnolo – italiano, italiano – romagnolo, Ravenna, Edizioni del Girasole, 2002 (prima edizione 1971);

Luciano De Nardis (al secolo Livio Carloni), A la garboja, in “La Piê”, 15 (1946), n. 2: 4-6.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/02/18 16:33:47 GMT+2 ultima modifica 2020-02-18T16:33:47+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?