Dop, Igp e produzioni di qualità

Piadina fritta, piada fritta, piada in padella, pié fretta, pjê freta, pieda fréta, piê freta

Forlì-Cesena

Foto Provincia FC

Territorio di produzione

Provincie della Romagna.

Descrizione sintetica del prodotto

Pasta del pane lievitata, strutto; se la si vuole rendere più saporita, s’intride la farina con le uova e con un po’ di grasso di maiale.

Un po’ di storia

Nelle campagne, si faceva la pieda fréta quando le provviste di strutto erano abbondanti. Per carnevale, la padella si faceva lavorare comunque, per fare al piadeni, impreziosite dalle uova e dal latte.

Come si fa

Sciogliere il lievito in poca acqua tiepida. Sul tagliere preparare il cumulo della farina a fontana, versare il lievito sciolto, il sale e impastare bene con latte e acqua fino ad ottenere un impasto piuttosto elastico. Lasciare lievitare per qualche ora in luogo tiepido. Fare una sfoglia non troppo sottile, tagliarla a rombi e friggere in abbondante strutto o olio.

Referenze bibliografiche

Sassi, “Alla tavola dei romagnoli”, Riviera Romagnola, n. 9, 28 febbraio 1925;

Cavazzuti, Di alcune usanze popolari delle Alfonsine e della zona limitrofa della Romagna Bassa, Società Tipo-Editrice Ravennate dei Mutilati, Ravenna 1934;

De Nardis (al secolo Livio Carloni), A la garboja, in “La Piê”, 1958, Pag. 4-6;

Contoli, Guida alla veritiera cucina romagnola, 1963 - Calderini Edizioni;

Placci, Mangiari d’altri tempi nella romagna popolare, 1978 Walberti Edizioni Lugo (RA);

Tonelli, A tavola con il contadino romagnolo, 1986 – Grafiche Galeati Imola.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/02/18 15:31:00 GMT+1 ultima modifica 2020-11-20T11:05:23+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?