Dop, Igp e produzioni di qualità

Sfoglia dell’Emilia-Romagna, spója, spòia

Territorio di produzione

Tutta la Regione Emilia-Romagna.

Descrizione sintetica del prodotto

Per “sfoglia” si intende il risultato finale della lavorazione di un impasto di farina di grano tipo 00 e di uova fresche.

 Un po’ di storia

La sfoglia fatta in casa, la spoja, lavorata sul tagliere e spianata a suon di matterello e “sugo di gomiti”, ne è la insostituibile materia prima e rappresenta il caposaldo della nostra cucina tradizionale; richiede un complesso d’attenzioni e di cure che sono il segreto, o la prerogativa, dei cuochi e delle massaie d’Emilia e di Romagna.

Come si fa

La proporzione degli ingredienti è di circa un etto di farina per ogni uovo. L’impasto avviene attraverso la rottura delle uova nello spazio creato in modo circolare al centro della farina. La lavorazione avviene rigorosamente a mano finché si ottiene un impasto elastico e senza grumi. La “sfoglia” viene stesa con un matterello di legno su di un tagliere, parimenti di legno.

Curiosità

..."La spoja u bsogna savela tiré e u bsogna savela tajé"...

(Bisogna sapere tirare la sfoglia / e pure saperla tagliare)

 Referenze bibliografiche

Vittorio Tonelli, Le uova d’oro, pollicoltura e cucina romagnola, Faenza, Edit Faenza, 2003;

Quondamatteo, Grande dizionario (e ricettario) gastronomico romagnolo, Imola, Grafiche Galeati, 1978.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/02/18 14:49:53 GMT+1 ultima modifica 2020-02-18T14:49:53+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?