Dop, Igp e produzioni di qualità

Sprelle, spreli

Piacenza

Territorio di produzione

Provincia di Piacenza.

Descrizione sintetica del prodotto

Dolce a base di farina, burro, zucchero uova, vino bianco, strutto per friggere.

Un po’ di storia

Si tratta di un prodotto preparato solo in prossimità e durante il carnevale. La ricetta è conosciuta e tramandata da centinaia di anni. La tradizione vuole che, prima delle privazioni quaresimali, si consumino grassi in abbondanza, e le sprelle ne sono particolarmente ricche.

Come si fa

La lavorazione tradizionale avviene manualmente. Si uniscono la farina, il sale, lo zucchero, le uova, il burro e si lavora il tutto fino ad ottenere una pasta elastica. Si può aggiungere, a tal fine, un po’ di vino bianco. Si tira la pasta ottenuta in una sfoglia sottile da cui si ricavano, con una rotella dentata, delle strisce di pasta al centro delle quali viene fatta un’incisione per ottenere la caratteristica “gala”.

Curiosità

E siccome le prime asprelle (erbe selvatiche) apparivano nei campi per Carnevale, le loro foglie dentate, in passato, ispiravano le «rezdore» a comporre una sorta di «chiacchiere» dolci chiamate proprio «sprelle» perchè ricordavano la foglia di questa erba primaverile.

Referenze bibliografiche

Carmen Artocchini, “Il folklore piacentino”, Unione tipografica editrice piacentina, 1971;

“400 ricette della cucina piacentina”, a cura di Carmen Artocchini, Molinari, Piacenza, 1977.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/02/17 16:26:46 GMT+1 ultima modifica 2020-02-17T16:26:46+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?