Dop, Igp e produzioni di qualità

Tagliatelle con gli stridoli, Tajadël cun i strìdul; Tajadël cun i strìgul, Tajadëli cun i stridle

Forlì-Cesena

Territorio di produzione

Provincia di Forlì-Cesena, in particolare area appenninica.

Descrizione sintetica del prodotto

Farina, uova, stridoli (pianta erbacea spontanea).

Un po’ di storia

Lo stridolo è una pianta erbacea che si raccoglie da aprile a ottobre, ai margini delle coltivazioni, nei boschi e nei pascoli di montagna. Si trova con facilità nell’appennino forlivese. Deve il suo nome, così com’è conosciuto nella vulgata popolare, al suono che producono le foglie se vengono accostate alle labbra.

Come si fa

Tirare la pasta in una sfoglia, ricavarne delle tagliatelle; accomodarle, bene aperte su un largo tovagliolo. Mettere in una casseruola la pancetta e il trito di aglio e cipolla con l’olio; Lasciare rosolare; versare il vino; lasciarlo evaporare del tutto.

Aggiungere gli strigoli; lasciare insaporire qualche attimo; unire la salsa di pomodoro; condire con sale; mescolare qualche istante; coprire a filo con un poco di acqua; proseguire la cottura 20 minuti circa; mescolare di tanto in tanto. Lessare le tagliatelle e versarle nella casseruola con il sugo; mescolarle e lasciarle bene insaporire; aggiungere qualche cucchiaiata di parmigiano.

Referenze bibliografiche

Bolognesi, I vini del sole. Romagna, Milano, Editori del Sole, 1983;

Quondamatteo, Grande Dizionario (e Ricettario) Gastronomico Romganolo, Grafiche Galeati di Imola, 1978.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/02/17 16:17:33 GMT+1 ultima modifica 2020-02-17T16:17:34+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?