Dop, Igp e produzioni di qualità

Tagliatelle verdi all’emiliana, tajadeli verdi

Reggio Emilia

Territorio di produzione

Provincia di Reggio Emilia.

Descrizione sintetica del prodotto

Sfoglia con uova, farina, bietole e/o spinaci.

Un po’ di storia

Pochi sanno che le tagliatelle hanno una loro storia, curiosa, ispirata dalla bellezza femminile. Protagonista è un tale Zaffirano, cuoco di Giovanni II da Bentivoglio, presente alle nozze di Lucrezia Borgia (1501) con il Duca d’Este. Lucrezia Borgia aveva magnifiche chiome bionde e mastro Zaffirano, ammirandole, avrebbe lì per lì inventato, in onore di tali chiome, morbidissime tagliatelle che però non servirono come primo piatto, ma come copertura a ricchissimi piatti di carne.

Come si fa

Cuocere gli spinaci e/o le bietole, strizzateli ben bene e passateli al tritatutto. Fare la sfoglia e unirvi il verde. Tirate la pasta in sfoglie sottili e tagliarle a strisce larghe più di un dito. Quando saranno un po’ asciutte, cuocetele in acqua salata.

Curiosità

“L’usanza delle tagliatelle verdi è tipicamente emiliana. La “base” verde, che trionfa soprattutto a Reggio Emilia, serve anche per l’altra infinita varietà di pastasciutte e lasagne.

Referenze bibliografiche

Gosetti della Salda Anna, Le ricette regionali italiane, Milano, La cucina italiana, 1967, pag. 418;

Da Ferrrari Marta, Ricette e racconti della mia Reggio, Cadelbosco di Sopra, Conad Emilia ovest, 1993, pag. 64.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/02/17 16:14:23 GMT+1 ultima modifica 2020-02-17T16:14:23+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?