Dop, Igp e produzioni di qualità

Topino d’Ognissanti, punghèn, puntech

Ferrara

Territorio di produzione

Comune di Comacchio, provincia di Ferrara.

Descrizione sintetica del prodotto

Biscotto a forma di topo fatto con farina “0”, uovo, lievito, latte, burro, aromi naturali.

Un po’ di storia

Durante il ‘400 il camposanto di Comacchio subì una terribile invasione di ratti che provocò grande turbamento in tutta la popolazione. Di qui l’appello alla Vergine, che allontanò la calamità dalla città dei “trepponti” aprendo la strada a questa rievocazione in chiave gastronomica assolutamente specifica del centro di Comacchio.

I Topi erano i dolci tipici della ricorrenza o commemorazione dei defunti. Ancora oggi soprattutto presso le famiglie dove permane questa tradizione, si consumano il 2 novembre.

Come si fa

L’impasto viene lavorato amalgamando bene tutti gli ingredienti; gli si da la forma di un topino. Per formare gli occhi si usano due chicchi di uva sultanina o gocce di cioccolato.

Curiosità

Durante la festività dei morti e dei Santi è tradizione preparare un numero di biscottini a forma di topo pari al numero dei componenti della famiglia, cosicché ciascuno possa esorcizzare quanto successo in passato mangiando il topino.

Referenze bibliografiche

La giustificazione storica è assicurata da documenti commerciali risalenti al 1974.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/02/17 16:06:05 GMT+1 ultima modifica 2020-02-17T16:06:05+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?