Dop, Igp e produzioni di qualità

Zampanella, zàmpanèla

Bologna

Territorio di produzione

Provincia di Bologna, Bacino dell’alto Reno comprendente i comuni: Alto Reno Terme, Castel di Casio, Camugnano, Gaggio Montano, Castel d’Aiano, Lizzano in Belvedere.

Descrizione sintetica del prodotto

Farina, uova, sale, olio di semi, pesto, parmigiano reggiano.

 Un po’ di storia

Le origini sono quasi certamente imputabili allo stato di povertà e alla scarsità di alimenti in seguito a carestie, eventi bellici, di una fascia di territorio molto precario. Secondo alcuni sarebbe il risultato di un disguido occorso ad una donna che, avendo allungato eccessivamente l’impasto per la “crescente” da cuocere sulla tigella, provò a ricavarne qualcosa di commestibile e ci riuscì. Un tempo era un cibo tipicamente invernale, a ragione del fatto che in concomitanza con l’uccisione del maiale, il pesto era fatto in maggior parte di lardo, pancetta, e strutto. Con il tempo lo strutto fu eliminato e il lardo venne sostituito da salsiccia fresca e capocollo, così le zampanelle diventarono un cibo per essere mangiato tutto l’anno.

Come si fa

Si amalgamano tutti gli ingredienti aggiungendo acqua fino alla consistenza desiderata (pastella). Per il condimento: pesto composto da una macinatura di pancetta, salsiccia, capocollo, aglio, rosmarino.

Si versa un quantitativo di pastella nella padella calda, si cuoce per circa 7-8 minuti su entrambi i lati e si procede a spalmare il condimento (pesto), si spolvera con parmigiano reggiano ed il tutto si ripiega in quattro parti, in modo da ottenere la classica forma a “ventaglio.

Referenze bibliografiche

Copia volantino prima sagra della Zampanella 1990.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/02/17 15:06:19 GMT+1 ultima modifica 2020-02-17T15:06:19+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?