Dop, Igp e produzioni di qualità

Brodetto di vongole, puracie in brudet, puracie alla marinera

Rimini

Territorio di produzione

Provincia di Rimini.

Descrizione sintetica del prodotto

La vongola (Chamelea Gallina) detta "poveraccia" in dialetto, è un mollusco bivalve con conchiglia tondeggiante schiacciata.

Un po’ di storia

La pesca della vongola, praticata da antica data sulle coste dell’Adriatico, si realizzava un tempo con rudimentali rastrelli impiegati a mano. Sul finire degli anni ’60 si è diffuso l’utilizzo della draga idraulica. L’attrezzo è costituito da una gabbia metallica di circa 3 metri di larghezza per 6 ql. di peso (stabilito per legge) che viene trainato a marcia indietro dall’imbarcazione. Il fondale sabbioso viene smosso da un getto di acqua che precede l’avanzamento della gabbia metallica.

Come si fa

Questa ricetta è tipica della tradizione popolare della costa romagnola ed era il cibo più comune dei pescatori che, venduto il pesce più pregiato, si tenevano questi poveri molluschi per loro.

Si mettono a bagno le vongole in acqua fredda con un po' di sale in modo che buttino fuori la sabbia. Risciacquare e mettere a cuocere in un tegame dove è stato preparato un soffritto con cipolla e aglio tritati. Aggiungete un bicchiere di vino bianco, coprire il tegame e lasciare cuocere per alcuni minuti finchè tutte le vongole non si siano aperte. Servire in tavola coprendo con del prezzemolo tritato.

Aneddoti e proverbi

Da sempre la vongola è considerata un cibo povero (il nome di Poveraccia deriva da questa considerazione) da qui il detto: “povero chi la pesca, povero chi la vende, povero chi la compra e povero chi la mangia”.

Referenze bibliografiche

Gianni Quandamatteo, “Grande Dizionario Gastronomico Romagnolo”- edito nel 1978.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/19 13:17:03 GMT+2 ultima modifica 2020-03-19T15:41:15+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?